Zaia avverte: "La prossima settimana sarà una delle peggiori"

Il governatore della Regione Veneto annuncia: "Bisogna rinnovare le restrizioni già in atto, stanno arrivando 732.500 test rapidi"

Nei prossimi giorni Luca Zaia proporrà di rinnovare le restrizioni già in atto e in scadenza il 3 aprile. A comunicarlo è stato lo stesso governatore del Veneto nel corso del punto stampa quotidiano presso la sede della protezione civile di Marghera: "Mi dispiace per i veneti, ma lo faccio per tutelare la loro salute e solo nel loro interesse. I dati positivi ci sono, visto che siamo in ritardo di almeno quattro giorni sul modello matematico ma la prossima settimana sarà determinante per capire se avremo una impennata di casi". Effettivamente nel bollettino odierno c'è anche qualche numero positivo: nelle ultime 24 ore sono stati 95 i nuovi nati "che si aggiungono ai 91 bimbi venuti alla luce ieri, e agli 84 del giorno precedente". Tuttavia bisogna prepararsi alla prossima settimana, quando si verificheranno "molte turbolenze di volo" che la renderanno "una delle peggiori".

La Regione è arrivata a 88.864 tamponi effettuati ma sta continuando a lavorare per predisporre un piano operativo con l'intento di riscrivere le linee guida sui test: "Al momento abbiamo una capacità di 10mila al giorno perché stanno mancando i reagenti, stiamo puntando a 20mila tamponi". Intanto dall'Olanda è arrivata la macchina per le diagnosi che ne deve fare 7mila al giorno: "Sarà utilizzata dal prof Crisanti, cerchiamo di comprarne un'altra, allo stato attuale abbiamo comprato 11 macchine per i test rapidi". Contestualmente è stato annunciato l'imminente arrivo di 732.500 test rapidi che andranno a integrarsi ai tamponi: "Un test che non sostituisce i tamponi, ma che può darci una mano per sveltire le procedure".

"Preoccupati per case di riposo"

Il leghista si è detto preoccupato per le case di riposo, un vero e proprio nuovo fronte, considerando che si tratta di luoghi in cui sono presenti pazienti cronici - spesso con varie patologie - che potrebbero risultare fatali: "Noi vogliamo che tutti coloro che possono salvarsi dal virus si salvino, e che siano tutelati anche gli operatori sanitari che vi lavorino". Perciò è stato chiesto l'isolamento dei pazienti positivi, specificando che la gestione non spetta alla Regione ma comunque si cercherà di "trovare delle forme di collaborazione per una tutela maggiore di ospiti e operatori".

Zaia infine ha fatto sapere che a breve verrà avviata la somministrazione domiciliare ai pazienti positivi, non gravi, dell'Avigon, dei farmaci anti malarici e di quello contro l'artrite reumatoide: è arrivato il via libera ed entro domani "sarà pronto il protocollo operativo per portare appunto questi farmaci a casa dei malati". Quando si hanno sintomi influenzali, stabilito che sia il Covid-19, si evita l'ospedalizzazione "se non serve" e si sperimentano i farmaci "direttamente in domicili".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio1952

Sab, 28/03/2020 - 14:49

Ma è lo stesso Zaia che l'8 marzo diceva "Ricordo che il Veneto ha 658 persone positive, molte delle quali asintomatiche, 47 persone in terapia intensiva, non abbiamo le caratteristiche per essere zona rossa. Non lo dico per un fatto di vanto ma perché i dati ci dicono che la provincia di Treviso ha un cluster tutto ospedaliero, cioè una signora, per altro deceduta, ha contagiato un reparto con degli ospedalieri che sono stati velocemente isolati. Molti sono asintomatici, passeranno la quarantena dei 15 giorni e finisce lì".

qualunquista?

Sab, 28/03/2020 - 15:13

Gentile Giorgio 1952, non ricordo le parole che lei cita, né da quale contesto siano state estrapolate,ma vivendo in Veneto ricordo che Zaia chiedeva da molte settimane misure più stringenti al governo. Ma le discussioni e le polemiche devono essere rinviate. Quello che conta è il domani, che si fonda sull'oggi. Le suggerisco di ascoltare il punto (conferenza) stampa che quotidianamente Zaia tiene da Marghera (se è in zona e quindi riesce, altrimenti chieda al Giornale, sono certo riusciranno ad aiutare gli altri italiani che attendono risposte), Zaia risponde a ritmo serrato a domande non preparate.. ebbene, le confronti con le osservazioni (contestazioni?) che nientepopodimeno che il New York Times ha mosso al nostro presidente del consiglio, e comprenderà perché molti si sentirebbero ora maggiormente al sicuro sulla Costa Concordia di capitan Schettino..

Xplr

Sab, 28/03/2020 - 15:42

Questo "governatore" mette terrore.

Ritratto di alejob

alejob

Sab, 28/03/2020 - 16:56

Caro Zaia, i Nordisti lavorano come animali per dare il necessario al popolo per sostenersi. I Sudisti che si sentono dei grandi cervelli, non dovrebbero seguire il detto di anni or sono del vignaiolo D'Alema : "Perché noi dobbiamo copiare dagli altri?". Ora sarebbe giusto copiare quello che un ragazzo Russo, ha fatto in America, (UN ROBO CHE GIRA PER LE STRADE di NEW YORK e automaticamente controlla le persone che sono POSITIVE. Risparmiando tempo e Denaro e avendo subito un risultato. Forse si chiede troppo, il Reddito di Cittadinanza costa meno fatica

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 28/03/2020 - 17:21

Appena parla un leghista, subito truppe cammellate di sinistra a contrariarlo, magari offendendolo. Poi chiedetre agli altri di aiutarvi ?

Nick2

Sab, 28/03/2020 - 17:28

Sarà una delle peggiori di sicuro! Non vi do il link perché mi cestinerebbero, ma andate un po' a cercare l'affollamento di oggi al Mercato delle Erbe di Padova. Robe da non credere!

Una-mattina-mi-...

Sab, 28/03/2020 - 17:35

Ma VAI VIA, buffone!

Ritratto di pulicit

pulicit

Sab, 28/03/2020 - 17:45

Leonida55:Condivido. Ben detto.Vergognosi.Regards

DRAGONI

Sab, 28/03/2020 - 17:49

UNA GRANDE RISORSA PER L'ITALIA INTERA CHE DOVREBBE ESSERE ADEGUATAMENTE VALORIZZATA IN UN GOVERNO CON DRAHI MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLO SVILUPPO.

pilandi

Sab, 28/03/2020 - 17:53

Zaia, é la terza settimana di fila che dici la stessa cosa!

ziobeppe1951

Sab, 28/03/2020 - 17:56

Nick2..17.28... Sergio Giordani, sindaco di Padova..di che partito è?

daniloilo

Sab, 28/03/2020 - 17:56

Mio caro "GIORGIO 1952", lei contesterebbe qualsiasi cosa detta o non detta da Zaia, solamente e in quanto governatore leghista.Lei cerca il pelo nell'uovo nel tentativo di denigrarlo. C'è da augurarsi un governatore come Zaia in tutte le regioni, e l'Italia, e ne sia certo, sarebbe senz'altro migliore.

Ritratto di filospinato

filospinato

Sab, 28/03/2020 - 18:02

Giorgio1952 anch'io ricordo una levata di scudi di Zaia contro il governo, con tanto di richieste di fare marcia indietro, ora invece si è riallineato, comunque il mio galletto segnavento è meno reattivo di qualsiasi politico

Giorgio1952

Dom, 29/03/2020 - 10:25

qualunquista? lei non ricorda legga AdnKronos 08/03/2020 12:40 quello che ho riportato lo chiedeva il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia ai microfoni di Rtl 102.5. La risposta vale anche per daniloilo

hellas

Dom, 29/03/2020 - 10:38

Giorgio1952... ma allora la sua è un'ossessione maniacale ! In un altro post se la prende con Salvini ( come se l'emergenza la gestisse lui) adesso va a recuperare quanto detto da Zaia all'inizio della crisi... Che Zaia fosse preoccupato per le conseguenze della chiusura di una zona rossa-arancione conferma solo la concretezza dell'uomo.... Poi, colta la portata dell'epidemia, ha operato bene e coerentemente. Se per una volta a sinistra riusciste a valutare senza filtri ideologici,e ad evitare reazioni automatiche da " anti leghisti in servizio permanente " forse capireste meglio la realtà...

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 29/03/2020 - 16:57

Signor Giorgio 1952,questo non è il momento delle prediche né delle critiche a chi ha fatto peggio o meglio! Questo è il momento di rimboccarsi le maniche per uscire "tutti" da questa tragedia. Se Lei ha soluzioni migliori sul fronte della prevenzione o sul fronte del contagio,ove a rimetterci sono sempre gli anziani,e mi permetta di aggiungere anche i medici e gli operatori sanitari,ben venga. Ogni ritardo nel prendere qualsiasi misura contenitiva significa centinaia di morti al giorno per avere tentennato.

Giorgio1952

Dom, 29/03/2020 - 17:17

hellas carissimo non sono di sinistra, non ho alcun filtro ideologico e non sono anti leghista in servizio permanente, tant'è che nel 1992 ho votato Lega, io mi attengo ai fatti ed alle dichiarazioni. Dal momento che tanti hanno detto tutto e il contrario di tutto, inutile ripetere chi come e quando, perché allora criticare Conte e il governo, che ha operato con gradualità di fronte ad una emergenza imprevedibile. Lo ha detto ieri anche Macron “Abbiamo imparato dalle vostre dolorose esperienze. Non abbiamo ignorato i segnali di allarme. Ho affrontato questa crisi con serietà e gravità fin dall’inizio. L’ho affrontata con lucidità e umiltà. A ogni tappa ho seguito tre principi essenziali: fondare le nostre decisioni su pareri scientifici, adattarsi alle evoluzioni della crisi, prendere misure proporzionate”.

Giorgio1952

Lun, 30/03/2020 - 10:23

giùalnord Dom, 29/03/2020 - 16:57 veda il mio commento in risposta a hellas, io non ho competenze ne autorità per dare soluzioni, mi limito al buon senso, Conte e il governo hanno fatto bene ad operare con gradualità, riprendo le parole di Macron "A ogni tappa ho seguito tre principi essenziali: fondare le nostre decisioni su pareri scientifici, adattarsi alle evoluzioni della crisi, prendere misure proporzionate”. Cosa si doveva fare bloccare il paese il 21 febbraio dopo il primo caso, raddoppiare i posti di terapia intensiva o acquistare milioni di mascherine? Basandosi su quali numeri? Senza contare che la chiusura del paese avrebbe seminato il panico, abbiamo visto gli assalti ai treni ed ai supermercati, io penso che anche la riapertura debba essere graduale in base alla evoluzione dell’epidemia.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 30/03/2020 - 11:03

Giorgio1952 Lun, 30/03/2020 - 10:23 Mi trova assolutamente concorde,il problema che la pandemia è stata sottovalutata a monte,a partire dall'OMS(l'organizzazione si è mossa subito dopo i dati critici italiani).Il nostro governo in questa fase ha fatto la differenza,non prendendo le precauzioni da adottare come prevenzione;la carenza di DPI in Italia,il numero ridotto di ventilatori e personale medico e paramedico carente,in gran parte dovuto ai continui tagli della sanità italiana e adesso anche quelle di altri Paesi ha portato a questo disastro,anche grazie all'austerity di Bruxelles che ha commissionato molti settori,quali la sanità,fino a qualche mese fa ritenuti non particolarmente essenziali nei piani economici, quindi soggetti a spending review.