Quarzo: «Lavoriamo, i risultati tra tre anni»

L’amministrazione ci tiene a rassicurare i cittadini sulle buche. «Gli investimenti per le strade della città dal 2002 al 2009 sono stati 411 milioni e 462mila euro», afferma Giovanni Quarzo, presidente della commissione comunale Lavori Pubblici: «Di questi, 230 milioni e 729mila euro sono stati spesi solo nel biennio 2008-2009. Nei due anni dalla giunta Alemanno, dunque, sono state stanziate più risorse di quanto abbia fatto la sinistra nei sei anni precedenti. La giunta Veltroni faceva solo operazione di immagine, noi stiamo lavorando con i fatti».
La gente, però, lamenta che per chiudere le buche si procede con i rattoppi.
«Questo succede perché il manto stradale è molto deteriorato, dopo anni di degrado la manutenzione ordinaria da sola non basta».
Quando si potrà chiudere la fase dell’emergenza?
«A breve. Grossi miglioramenti arriveranno già con gli interventi straordinari previsti dal piano dei 68 milioni stanziati da Alemanno. E presto partirà il nuovo appalto della manutenzione della Grande viabilità, che andrà a sostituire quello revocato con Romeo».
Ma queste ditte inadempienti sono mai state costrette a pagare una penale o è stato revocato loro il contratto?
«Noi applichiamo sempre le regole. Chi sbaglia, paga. Ad esempio per via Nazionale, dove i lavori erano stati fatte male, la ditta è stata costretta a rifare tutta la pavimentazione gratis. Tengo a dire, però, che per vedere finalmente le strade a posto in tutta Roma occorrerà arrivare a fine consiliatura. Ci vorranno altri tre anni di lavori seri e continui».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti