Quest'anno vince la vacanza all'italiana

Sette italiani su dieci quest'estate partono per ferie nel Belpaese. In cima alla lista delle preferenze c'è la Sicilia, che attira un vacanziero su dieci

Questione di crisi o forse solo voglia di riscoprire i tesori turistici più a portata di mano: la quota più consistente dei connazionali, che si sono concessi o si concederanno una vacanza, sceglierà quest'estate una meta nostrana, con la Sicilia in cima alle classifiche. Saranno invece tre milioni in meno dell'anno passato quelli che opteranno per una località estera.
Un'indagine Unioncamere-Isnart in collaborazione con l'Osservatorio Nazionale del Turismo fa il punto sull'estate 2009 quando la stagione sta per raggiungere il suo clou. I risultati dicono che saranno circa 26 milioni gli italiani che trascorreranno un periodo di ferie. Ma 18,3 milioni resteranno nel Belpaese, mentre solo 7,7 milioni andranno all'estero, contro i 10,4 milioni la scorsa estate. Sicilia (9,9%), Puglia (9%) e Emilia Romagna (8,6%), le destinazioni nazionali più gettonate, mentre all'estero, al top ci sono Spagna (1,2 milioni), Francia (985 mila) e Grecia (909 mila). E per quanto riguarda il portafoglio, la spesa media per la vacanza estiva, si aggirerà su 889 euro per le località nazionali e su 1.223 euro l'estero, con una spesa complessiva stimata in 25,7 miliardi: 16,3 miliardi in Italia e 9,4 miliardi all'estero.
La conferma di questa dinamica, fanno sapere da Unioncamere, viene anche dal fronte delle prenotazioni pervenute al sistema ricettivo. Le 10mila strutture contattate per l'indagine, dichiarano, infatti, presenze stabili rispetto all'anno scorso, sebbene il risultato economico potrebbe, a fine stagione, risultare in flessione a causa della limatura dei prezzi fatta dagli operatori per sollecitare la domanda. Le prenotazioni pervenute, infatti, si attestano al 50-55% delle disponibilità per luglio e agosto, con il 49,9% dei posti letto prenotati per luglio, il 54,9% per agosto ed il 30,4% per settembre. Traina il nord est italiano, che può contare sul 55,6% di camere prenotate per luglio, sul 59,8% per agosto e sul 38,2% per settembre.
Stagione critica invece per il sud e le isole, in flessione in tutto il trimestre rispetto al 2008.

Il mare raccoglie - come sempre - le quote maggiori di camere prenotate (sebbene in leggerissima flessione rispetto alla scorsa annata), con il 54,4% a luglio ed il 59,9% ad agosto. In crescita rispetto al 2008 le città d'arte e la montagna (+3,5%). Più colpiti dalle defezioni del turismo internazionale terme e laghi (rispettivamente -7,3% e -6,4%).

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica