Ragazzo italiano disperso in Australia, ritrovato il cadavere

Ritrovato il corpo di Mattia Fraschini, il ragazzo italiano di 24 anni disperso tra le Blue Mountains in Australia dallo scorso mercoledì. Sono in corso le operazioni di recupero del corpo

Frame video dell'ultimo avvistamento di Mattia Fraschini, alla stazione dii Blackheath
Frame video dell'ultimo avvistamento di Mattia Fraschini, alla stazione dii Blackheath

È Mattia Fraschini, 24 anni di Cesenatico, il ragazzo disperso dallo scorso mercoledì 29 gennaio sulle motagne del Blue Mountains, in Australia. Il corpo senza vita del 24enne è stato ritrovato attorno alle ore 14.30 locali in prossimità di Blatzer Lookout, vicino a Blackheath, dove era stato avvistato per l'ultima volta prima della misteriosa sparizione. Sono in corso le operazioni di recupero del corpo.

A darne notizia è stata la polizia dello Stato del Nuovo Galles del Sud mediante una nota ufficiale diramata domenica 2 febbraio alle 17:49. "Il corpo di un escursionista italiano scomparso – si legge nello stringatissimo comunicato –è stato trovato sulle Blue Mountains oggi. L'uomo, di 24 anni, era stato dato per disperso dopo una escursione vicino a Blackheath, mercoledì 29 gennaio 2020. Verso le 14.30 (domenica 2 febbraio 2020) un gruppo di ricercatori ha individuato un corpo vicino Blatzer Lookout, vicino a Blackheath. È in corso un'operazione per il recupero del corpo. Successivamente sarà diffuso il rapporto del medico legale".

Mattia Fraschini era disperso dallo scorso mercoledì in Australia, sulle montagne del Blue Mountains, catena montuosa a ovest di Sidney. Stando alle informazioni diffuse dalla polizia australiana, in data 29 gennaio, il ragazzo avrebbe intrapreso un'escursione solitaria tra le montagne. A dare allarme della sua misteriosa scomparsa, sarebbero stati alcuni colleghi nella giornata di giovedì preoccupati dal fatto che non si fosse presentato al lavoro. Alcuni avrebbero provato a rintracciarlo al telefono ma il cellulare sarebbe risultato staccato. Dopo la segnalazione alla polizia, erano scattate le ricerche che si sono profuse per circa due giorni prima del tragico ritrovamento di questa mattina attraverso la geocalizzazione. Sul luogo, giungerà a breve il padre del ragazzo, già in partenza verso Sidney.

"Quando mio figlio ci ha detto che avrebbe intrapreso una camminata nel parco delle Blue Mountains non ci siamo preoccupati", ha detto al Corriere di Bologna Rodolfo Fraschini, il padre del 24enne - "Mattia non è uno sprovveduto. Conosce la zona ed è stato sulle Ande, in Amazzonia e sulle montagne del Nepal. Più che un appassionato è quasi un professionista".

Il 24enne, che viveva e lavorava a Sidney da circa un anno come barman e addetto alla sala in un ristorante locale, era un appassionato di escursionismo. Stando a quanto si apprende da fonti a titolo vario, infatti, pare che in passato avesse intrapreso escursioni impegnative con scalate importanti anche a livello internazionale.

Commenti