Rai, Santoro: "Senza Travaglio niente Annozero"

Il conduttore litiga con il direttore di rete Liofredi e minaccia: "Lui è Annozero e senza di lui niente trasmissione" (video). Il giornalista: "Mi sento mortificato". Domani l’incontro tra il dg Masi e il Garante delle comunicazioni Calabrò

Rai, Santoro: "Senza Travaglio niente Annozero"

Roma - Travaglio o niente. Michele Santoro sale sulla barricata.  "Marco Travaglio ci sarà, se non c’è lui non c’è Annozero. Annozero e Travaglio sono la stessa cosa". Lo ha detto Michele Santoro nella conferenza stampa di presentazione della nuova serie del programma che partirà giovedì su Rai2. "Travaglio - ha aggiunto Santoro - è irrinunciabile. Travaglio ha dichiarato da parte sua di non essere però ancora stato chiamato dall’azienda per firmare il contratto. In questo Paese c’è una lista di farabutti e vigilati speciali, tu - ha detto Santoro rivolto a Travaglio - sei un vigilato speciale. Noi questo non lo possiamo accettare". Santoro, parlando alla conferenza stampa di presentazione del programma, presenti anche il direttore di Rai2 Marco Liofredi i consiglieri di amministrazione di opposizione Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten, chiede "che ci sia onestà. Se sbaglieremo pagheremo".

Travaglio: nessuna chiamata "Nessuno mi ha chiamato, non ho preparato nulla. Non so se ci sarò né cosa dirò, so che sono mortificato". Lo ha detto Marco Travaglio commentando la sua situazione che lo vede ancora in sospeso e senza contratto a due giorni dalla partenza del programma. "Mi sembra tutto abbastanza chiaro, mi sento mortificato come il gatto che è stato allevato a prendere topi, che li prende e per questo riceve i complimenti dal suo padrone. Mi è successo con grandi giornalisti, che mi rendo conto che oggi possono essere considerati sovversivi, come Indro Montanelli ed Enzo Biagi. Oggi in tv entrano assassini, stupratori e canari, ma nessuno mi ha spiegato cosa ho fatto di male, essendo tra l’altro incensurato. Almeno - osserva Travaglio - aspettino che io faccia qualcosa".

Lite Santoro-Liofredi Conferenza stampa carica di tensione quella per il ritorno di Annozero. Le polemiche che hanno preceduto il ritorno di Santoro sono esplose al tavolo dell’incontro nel momento in cui si affrontava il tema degli strumenti e delle risorse necessarie per la trasmissione. I contratti sono stati firmati con un certo ritardo e ostacoli e incomprensioni si sono verificati per l’assegnazione delle troupe, il tutto, secondo il direttore di rete, Massimo Liofredi, solo per ragioni "tecniche" perché il giornalista aveva chiesto delle troupe particolari e degli operatori esterni: a questo punto Santoro si è inalberato sostenendo che l’affermazione era "completamente falsa: dovete smettarla di dire bugie - ha detto rivolgendosi al direttore di rete - se vuoi puoi quelerarmi". "Io non querelo nessuno" ha risposto Liofredi. "Non lo fare perché tanto non ti conviene - ha ribattuto Santoro - la verità è che le troupe le abbiamo avute ieri".

Liofredi: "Ne farei a meno" "Io ne farei anche a meno di una trasmissione come questa. Mi piacerebbe invece vedere un bel programma di politica. Non mi piacciono le trasmissioni contro" ha detto ancora Liofredi, direttore di Rai2, durante la conferenza stampa. Già in apertura il direttore aveva definito la squadra di Annozero "ospite" della rete. "Tu - ha aggiunto rivolto a Santoro - fai un certo tipo di televisione, una specie di inquisizione mediatica, che a me non piace. Ma non è un fatto personale".

Le polemiche Il programma non è ancora iniziato ma le polemiche sono già a livello di guardia. L’incontro tra il direttore generale della Rai, Mauro Masi, e il presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Corrado Calabrò, dedicato a un approfondimento sul caso Anno Zero-Travaglio, si terrà non prima di domani. In ambienti dell’Autorità si fa infatti presente che l’incontro, chiesto dal dg della Rai non è escluso che si tenga dopo la riunione del Consiglio dell’organismo di Garanzia in programma appunto per mercoledì. Intanto trapela un'indiscrezione: per superare l'impasse Santoro potrebbe far parlare Travaglio al telefono. Almeno nella prima puntata, poi si vedrà. Ma tutto deve ancora essere deciso.

L'ultimo cda Rai Si era parlato dello stop al contratto per Annozero di  Travaglio all’ultimo cda della Rai del 17 settembre, mentre gli altri nodi intorno al programma andavano via via sciogliendosi, dopo il via libera alle troupe per le inchieste e la partenza dei contratti per la redazione e per Vauro e erano partiti gli spot di rete. A quanto si era appreso il direttore generale avrebbe espresso le sue perplessità in merito all’assenza di contraddittorio nei confronti degli interventi di Travaglio durante il programma, anche alla luce dei pronunciamenti dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.  

Commenti

Grazie per il tuo commento