Regione Burlando trova e spende gli ultimi soldi

Milioni per tutti dalla Regione. In vista del 2 febbraio, data del primo e probabilmente ultimo consiglio regionale utile prima delle elezioni, la giunta di Claudio Burlando stanzia fondi in ogni settore. Due milioni di euro andranno a sostenere la realizzazione di impianti di trazione a fune, attraverso i fondi Fas per le aree sottoutilizzate. Dei cinque progetti individuati dalla giunta regionale quattro sono stati presentati da soggetti pubblici in provincia di Imperia e Savona e uno da privati a Genova, per offrire un collegamento a due case di Quezzi.
La Regione Liguria ha deciso poi di confermare anche quest’anno il suo ruolo di sponsor istituzionale del Festival di Sanremo, in programma dal 16 al 20 febbraio al teatro Ariston, sostenendo la manifestazione con un contributo di 170.000 euro. Lo ha reso noto il presidente Claudio Burlando, sottolineando come lo stanziamento sia stato deciso «nonostante il momento di crisi». Altri 5 milioni andranno invece a Finale Ligure. È stato infatti firmato l’accordo di programma tra la Regione Liguria, la Provincia di Savona e il Comune di Finale Ligure per la riqualificazione urbanistica e ambientale nell’area di Finalborgo dopo il trasferimento dello stabilimento Piaggio Aero Industries a Villanova di Albenga. L’accordo prevede una nuova viabilità di collegamento tra la strada provinciale 490 del Melogno e quella comunale di collegamento alla provinciale 17 Finale Ligure-Calice Ligure-Rialto, tra cui un nuovo ponte sul torrente Pora.
Infine una cifra ancora da definire servirà per finanziare un emendamento alla legge 30 sulla tutela del lavoro. La Regione ha infatti deciso di intervenire per «garantire» presso le banche il prestito ai lavoratori che da almeno tre mesi non percepiscono lo stipendio ma che non sono stati messi in mobilità o in cassa integrazione dalle loro aziende in crisi. Il prestito in questo caso prevede la restituzione dei soldi (con interessi pagati da Filse) una volta ricevuto lo stipendio.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.