Reporter uccisi: 59 in meno di 7 mesi "Un bagno di sangue"

Secondo l'osservatorio "Press emblem campaign" la crescita del fenomeno non ha precedenti (45 casi in più del 2008). Il primato delle morti sospette in Messico e Pakistan. E dalle statistiche sfuggono Iran, Cina e Corea del Nord

Reporter dal fronte, abituati a guardare in faccia il pericolo. Oppure semplicemente cronisti «scomodi», che pagano con la vita il prezzo della verità. Sarebbero 59 i giornalisti uccisi in tutto il mondo dall'inizio dell'anno. Numeri allarmanti rispetto alle ultime statistiche del 2008. La Pec (Press Emblem Campaign) non usa giri di parole: «Un bagno di sangue», calcolando che nei primi sei mesi del 2009 sono stati 53 i giornalisti uccisi. Vale a dire 45 in più rispetto all'anno precedente. Gli altri sei casi si sono infatti registrati nel solo mesi di luglio, compreso quello dell'attivista russa Natalya Estemirova - «erede» dell'altra vittima simbolo Anna Politkovskaja -, uccisa lo scorso 15 luglio in circostanze come minimo sospette.
Il triste primato delle morti spetta al Messico, con 7 giornalisti uccisi, seguito da Pakistan (6), Iraq, Filippine, Russia e Somalia (5), Gaza e Honduras (4), Colombia (3), Afghanistan, Guatemala, Nepal, Sri Lanka e Venezuela (2), India, Indonesia, Kenya, Kyrgyzstan e Madagascar (1). Da sottolineare che, nell'elenco, manca qualsiasi riferimento ad altre situazioni a dir poco critiche per la libertà di stampa quali l'Iran, la Cina, la Corea del Nord, solo per citare le più conclamate.
La Press emblem campaign attribuisce l'incremento degli omicidi da un parte ai conflitti (come a Gaza, in Somalia, Pakistan e Sri Lanka). Per questo lancia un appello alle Nazioni Unite affinché «fermino una simile strage». Altrove invece, proprio come in Messico, Filippine e Russia, dove non risultano apertamente conflitti in corso, gli omicidi stanno diventando «una caratteristica endemica», quasi un mezzo qualsiasi per ottenere degli obiettivi di tipo politico e sociale, denuncia Blaise Lempen, segretario generale dell'osservatorio.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti