Riflettori sulle popolari

L’ultima settimana del mese, che chiude il primo semestre dell’anno in corso, ha visto ristabiliti alcuni livelli di quotazione, espressi dagli indici, che annullano le erosioni delle precedenti settimane. In particolare l’indice S&P/Mib ritorna in positivo nel semestre dell’1,34%, mentre il Mibtel si rafforza del 3,4%. Il recupero nella sola giornata di ieri si misura nell’ordine dell’1,1%. Sempre modesta l’attività, con 3,58 miliardi di controvalore. Un fine settimana contraddistinto da novità sul fronte societario: a partire da Alitalia (più 4,2%), all’annuncio di un miglioramento nella posizione finanziaria; ingessata Unipol (più 0,28%) dopo l’annuncio dell’arrivo di Carlo Salvatori; realizzata Fideuram, in vista di un futuro delisting del titolo. Nei bancari è di nuovo emerso l’interesse per le popolari, con Bpi in crescita del 3%, Bpm del 2% e Verona Novara del 2,5%. All’Expandi non si arresta la corsa di Bper. Riprende l’interesse per i titoli del lusso, con Bulgari in crescita del 2,7%. Svetta anche Pirelli (più 2,6%), dopo il ritiro dell’Ipo su Pirelli Tyre. Crescono Sabaf (più 2,7%) ma fanno meglio Geox (più 7,6%) e Impregilo (più 7,5%). Realizzate Roma (meno 8,2%) e Lazio (meno 3%).

Commenti