Rivoluzione Perini, rotta sul futuro

Rivoluzione Perini, rotta sul futuro

Il gruppo Perini Navi lancia la nuova generazione di velieri. Si tratta di importanti innovazioni nelle linee progettuali e nelle tecnologie di bordo per una maggiore velocità, elevate performance veliche, comfort e spazi molto più ampi. Nasce così «Seahawk», primo esemplare della nuova serie di 60 metri, il cui varo tecnico è stato completato nei giorni scorsi a Viareggio con le operazioni di alberatura. «Seahwak» ha uno scafo filante e sovrastruttura in alluminio con una stazza inferiore alle 500 tonnellate e dislocamento ottimizzato a 570 T. La chiglia mobile, inoltre, permette di variare l'immersione da 4,30 a 12,30 metri.
Il ketch, progettato dagli architetti navali Perini Navi in collaborazione con il neozelandese Ron Holland, ha una superficie velica totale di 2.125 metri quadrati, supportata da due alberi in alluminio alti rispettivamente 62 e 52 metri. E ancora: carbonio per i boma e le crocette, così come per i foil degli stralli di prua e le diagonali. E per la prima volta su un ketch del gruppo di Viareggio, carbonio anche per il sartiame. A prua è montata una nuova generazione di avvolgitori totalmente incassati, progettati e realizzati dal comparto alberi di Perini Navi. Nuova generazione anche per i winch realizzati per ottenere una maggior potenza e velocità di manovra. Gli interni sono progettati dal francese Christian Liaigre che ha creato per «Seahawk» una raffinatissima allure contemporanea con forti richiami alla tradizione marinara. Ma a Viareggio si sta già lavorando alla costruzione della seconda unità da 60 metri, lo sloop C.2218, che monterà un albero in carbonio di 75 metri e la cui consegna è prevista nel 2014. In programma anche una terza unità (consegna nel 2015).
Il gruppo Perini Navi, con una flotta di 54 imbarcazioni in navigazione (52 a vela e 2 a motore), è leader mondiale nella progettazione e costruzione di grandi navi a vela. Dal 2007 è entrato nel settore dei motor yacht con il marchio Picchiotti della serie «Vitruvius», rilanciando così lo storico brand acquisito agli inizi degli anni Novanta. Nel cantiere spezzino, infatti, si concentrano la produzione dei motor yacht e le attività di refit & repairs, mentre in Turchia è pienamente operativo il cantiere Perini Istanbul-Yildiz in cui si svolgono le attività legate alla realizzazione di scafi e sovrastrutture.
Intanto a Viareggio c'è grande attesa per la quinta edizione della Perini Navi Cup, la regata costiera di flotta (Porto Cervo 28-31 agosto) riservata ai velieri del gruppo. L'evento, organizzato in collaborazione con lo Yacht Club Costa Smeralda, rappresenta un vero e proprio momento d'incontro per tutti gli appassionati della vela. A oggi sono 18 i velieri Perini Navi che si affronteranno nelle tre giornate di gara.

Commenti