Il coltello, lo sparo: la follia del ghanese a Roma

Un ghanese ha seminato il panico armato di coltello per diversi minuti in stazione Termini a Roma prima di essere fermato dalla polizia

Il coltello, lo sparo: la follia del ghanese a Roma

Grande paura ieri a Roma, dove la polizia è stata costretta a sparare contro un uomo che si aggirava armato di coltello nella principale stazione cittadina, quella di Termini. Sono stati lunghi minuti di tensione per chi si trovava a transitare in quel momento per l'edificio ferroviario e per gli uomini della polizia, intervenuti immediatamente per disarmare l'uomo, uno straniero pluripregiudicato, ora ricoverato in codice rosso ma non in pericolo di vita.

La strade intorno alla stazione Termini si fanno ogni giorni più pericolose. Il degrado e l'abbandono di questa parte di Roma sono la cartina al tornasole di una gestione deficitaria della Capitale. La stazione Termini è il più grande hub ferroviario del Paese, uno dei primi d'Europa per movimento passeggeri. È la porta d'accesso alla capitale italiana e sorge a brevissima distanza dal rione Monti, uno dei più turistici della città. Attorno, sorgono siti archeologici di grande interesse. Nonostante questo, la zona è lasciata all'abbandono, in mano a bande di malviventi, spesso immigrati irregolari. Lo spaccio di droga e la violenza sono all'ordine del giorno nei pressi della stazione Termini e quanto accaduto la scorsa notte non è l'ultimo episodio.

Il ghanese di 44 anni fermato in stazione Termini ha estratto il coltello quando si trovava in via Marsala, una delle vie d'accesso all'edificio ferroviario. Attorno a luci decine di passeggeri terrorizzati, che hanno immediatamente allertato la polizia ferroviaria presente sul posto. Gli agenti di polizia hanno da prima accerchiato l'uomo per isolarlo dal resto delle persone presenti e uno di loro ha anche tentato una manovra di disarmo, colpendolo al braccio, ma il ghanese ha opposto resistenza. Per svariati minuti, l'uomo ha puntato il coltello contro i poliziotti, finché uno di loro, percependo l'immediato pericolo, non ha deciso di estrarre l'arma e sparare.

Il ghanese è stato colpito all'inguine e quindi disarmato. Ricoverato in ospedale, è sottoposto alle cure dei medici ma non è in pericolo di vita. Sono diversi i video che circolano di quei momenti concitati, che si sono svolti in una delle strade a maggior traffico della Capitale. In uno di questi si nota l'uomo che tenta di salire su uno scooter. Gli agenti di polizia immortalati nei video si vede che tentano tutto il possibile per ripristinare l'ordine e rendere innocuo l'uomo, ma anche la minaccia dei manganelli non ha sortito l'effetto desiderato, tanto che le forze dell'ordine sono state costrette a esplodere un colpo di pistola.