Casapound accusa la Raggi: "Omertà mafiosa sui rave abusivi della sinistra"

La rabbia degli inquilini del palazzo occupato di via Napoleone III: "La Raggi? Si sta accanendo contro di noi". E il leader di Casapound accusa: "Dal sindaco omertà mafiosa sulle occupazioni abusive della sinistra"

"La Raggi? Ormai c’ha preso di mira, non c’è niente da fare, si è accanita contro di noi". La pensa così Mario, 87 anni, malato di tumore. È uno degli occupanti del palazzo di proprietà del Demanio che dal 2003 è diventato il quartier generale di Casapound nel rione Esquilino. Lo stesso immobile che da ieri è sottoposto a sequestro preventivo su richiesta della procura di Roma. Nel registro degli indagati per "occupazione abusiva" ed "istigazione all’odio razziale" sono finiti i nomi di sedici persone, dai vertici del movimento a chi da anni si è stabilito nell’edificio.

La sindaca di Roma l’ha definita una giornata storica. "Per tutti i romani – ribadisce in un’intervista a Repubblica – questa resterà la seconda liberazione di Roma". "La procura ha dimostrato che la legalità alla fine vince sempre", ha proseguito Virginia Raggi. Il provvedimento disposto dal gip fa rientrare Casapound nella lista dei 23 edifici da sgomberare a partire dalla primavera del 2020. Ma il piano della prefettura finora è rimasto al palo. E non è solo colpa della pandemia.

Da un anno a questa parte l’amministrazione capitolina, d’intesa con la Regione Lazio, si è imposta un cambio di passo rispetto all’era Salvini. Così l’ultimo intervento riferito alla programmazione precedente, quello dell’immobile occupato da circa 400 persone in via del Caravaggio, nel quartiere Tor Marancia, era stato spostato a data da destinarsi. "Per le altre occupazioni, quelle di sinistra, cercano di trovare una soluzione alternativa, a noi invece non hanno proposto nulla, siamo praticamente abbandonati", si sfoga Laura, 36 anni.

Con il marito e due figlie da qualche anno ha trovato ospitalità nel palazzo di via Napoleone III. "Abbiamo due bambine e un solo stipendio, quello di mio marito che lavora in ospedale, non possiamo permetterci un affitto di mille euro al mese ma non vogliamo neppure finire a vivere in un container o in una casa famiglia", ci dice al telefono. "Qui ci sono decine di bimbi, e poi disabili, anziani con gravi patologie, quello di ieri è un attacco politico – denuncia - ci sono situazioni più gravi rispetto alla nostra, eppure nessuno si sogna di andare a sgomberare".

Simone Di Stefano, leader del movimento di estrema destra, rincara la dose. "Da parte della Raggi c’è un’omertà mafiosa su certe situazioni, come ad esempio quella dello Spin Time Lab, l’occupazione benedetta dall’elemosiniere del Papa". "A capodanno – continua l’attivista – c’è stato un rave abusivo su sette piani con droga a volontà e la sindaca non ha detto una parola, forse perché il suo vice Luca Bergamo lì è un habitué?".

Il movimento di estrema destra chiede che il palazzo sia assegnato alle famiglie che ci abitano, concedendo loro il pagamento di un canone calmierato. Ma l’amministrazione capitolina sembra avere altri progetti. "Voglio restituire gli spazi di via Napoleone III a chi ha davvero bisogno di un tetto, ai veri eroi che sono in attesa di una casa popolare, a chi rispetta la legge e aspetta da anni", rivela la sindaca a Repubblica.

"Su questo punto non ci siamo mai tirati indietro - ha sottolineato - abbiamo tolto gli appartamenti di proprietà del Comune ai furbetti che li occupavano pur potendosi permettere un affitto normale e abbiamo riassegnato mille appartamenti a chi era in graduatoria per un alloggio". "Non sarà lo sgombero di Casapound – replicano da via Napoleone III – a ripristinare la legalità in una città in cui ci sono cento occupazioni". "Alcune - accusa Di Stefano - partecipate attivamente dall’amministrazione comunale".

Per i vertici del movimento quella di un blitz delle forze dell’ordine resta ancora una prospettiva lontana. "Finora non ne è stato fatto neanche uno, partire da noi sarebbe paradossale", spiega al Giornale.it il leader delle "tartarughe". "Se fosse domattina, però – assicura - la parola d’ordine sarebbe quella di barricarsi all’interno e cercare di intavolare una trattativa con chi vuole lo sfratto".

Sull’arrivo dei blindati non c’è una data certa. "Intanto incassiamo questo risultato, poi ci metteremo seduti con la prefetta Gerarda Pantalone per capire cosa ne sarà di quel palazzo", spiega la Raggi nell'intervista concessa al quotidiano di Maurizio Molinari. "La decisione non spetta al Comune – chiarisce - noi siamo pronti a dare ogni tipo di assistenza e supporto che ci verrà richiesta, come abbiamo fatto fino a questo momento". Il giudizio sui militanti di Casapound però è tagliente: "Si confermano campioni dell'illegalità, non si smentiscono mai".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 05/06/2020 - 11:21

Quello che mi fa rabbia, sentire gente che avendo una entrata non può pagare l'affitto. Certo, che se vogliono vivere nel centro, in città di pregio......Vada ad abitare in una città minore dove gli affitti sono bassi oppure meglio in un paese. Ma cosa pretendono!

hectorre

Ven, 05/06/2020 - 11:28

quando ci sono delle irregolarità è giusto provvedere....ovviamente centri sociali e compagni vari possono continuare tranquillamente le loro attività illegali, niente scontrini, occupazioni e via discorrendo.....per i sinistri la raggi ora è diventata un’eroina.....fino a ieri era il peggio del peggio!!!.....che squallore

sullarivadelfiume

Ven, 05/06/2020 - 11:34

Casa Pound cerca di usare argomentazioni razionali dialogando con la Bestia. Dopo tanti morti illustri a dimostarne l'inutilità si illudono che tocchi a loro il miracolo di sopravvivere alla Piovra rossa.

Ritratto di adl

adl

Ven, 05/06/2020 - 12:00

Normale e direi istituzionale discriminazione sinistra. Mi sovviene lo spot pubblicitario della De Rica di qualche decennio fa: "E no, sui Centri Asociali non si può"

SemprePiùBasito

Ven, 05/06/2020 - 12:01

La signora cerca voti nella sinistra ma mi sa che questa volta proprio non brillerà.

Giorgio Colomba

Ven, 05/06/2020 - 12:04

Raggi di sòla ennesimo esempio di togliattiana doppiezza morale, in perfetta conformità ai suoi degni alleati di governo.

dredd

Ven, 05/06/2020 - 12:09

La cosa più fastidiosa di tutto l'articolo è la parole "prefetta". Veramente penosa

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 05/06/2020 - 12:37

Prevedibile l'atteggiamento vittimistico delle tartarughine nere, del lamentoso "ecco...noi si e loro no!" peraltro falso dato che sono 23 gli immobili a Roma da sgomberare, del nascondersi dietro i casi umani del malato di cancro e dei bambini glissando opportunamente sul fatto che gli altri occupanti, lungi dall'essere nullatenenti, sono spesso dipendenti pubblici con stipendio fisso o, addirittura, dipendenti del ristorante della moglie del camerata Iannone. Detto questo sono dell'idea che non è con gli sgomberi che si risolve la questione delle occupazioni abusive. Andrebbe invece regolamentata la questione degli immobili sfitti o abbandonati, sovente causa di degrado se non addirittura di pubblico pericolo, favorendo invece le occupazioni legittime da parte di enti o associazioni di valore sociale o a scopo residenziale per i cittadini.

Risen

Ven, 05/06/2020 - 12:44

Quindi se quando viene arrestato un mafioso ci fa notare che in zona si aggira anche un ladro siamo costretti a far cadere ogni accusa e lo rilasciamo col sorriso sulle labbra?

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 05/06/2020 - 13:00

perdonatela è nata ignorante e non è mai migliorata, non si può pretendere da una che è sprovvista di cose importanti come l'intelligenza.

andy57

Ven, 05/06/2020 - 13:04

adesso contiamo i giorni per vedere liberi anche questi che sono le sedi di noti centri sociali romani, come ‘Strikers’, ‘Spazio 32’ e ‘Acrobax’. Ma anche la ‘Casa delle donne Lucha Y Siesta’, il palazzo dell’Ex Enasarco di via Mattia Battistini, la B.A.M di via dei Castani, la sede dell’associazione ‘Ex Lavanderia’, il palazzo INPS di via Vittorio Amedeo II e immobili di proprietà di Atac e Cotral.

Seawolf1

Ven, 05/06/2020 - 13:22

dubito che verrà rieletta...

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 05/06/2020 - 14:46

andy57: conti i giorni? Ti risulta che la sede di Casapound (occupata da 17 anni) sia già stata sgomberata? Inoltre, nel fare "copia-incolla" di quell'elenco poi riportato nel tuo post, ti sei preventivamente informato di cosa sia la Casa delle donne Lucha Y Siesta? Hai idea di quale sia la sua funzione sociale? Lo sai che svolge funzione di accoglienza a donne vittime di violenza fornendo il 60% dei posti letto disponibili in tutta Roma mentre questo compito, oneri inclusi, spetterebbe agli enti locali a carico della collettività? Ecco... non confondiamo questa preziosa risorsa con i fascistelli del secondo millennio.

Mur

Ven, 05/06/2020 - 15:17

da 16 anni Casapound occupa un intero stabile, 16 appartamenti, senza pagare affitti/utenze ( le utenze vengono scaricate sui cittadini) e ovviamente non ha mai fornito gli estremi dei cosiddetti " indigenti" che vi abitano. La Guardia di Finanza ha accertato però che vi risiedono almeno 8 dipendenti pubblici ( Comune/ Provincia) tutti con regolare stipendio più familiari e impiegati di società riferibili a Casapound...comodo ora cercare di passare per poveracci e parlare dei Rave...16 anni in centro a carico nostro..

lorenzovan

Ven, 05/06/2020 - 15:52

ammuina ammuina...ora sono diventati fondamentali i rave...intanto cominciate a sgomberare ..poi si provvedera' pure ai rave..e se non lo faranno ..allora avrete tutte le ragioni del mondo di protestare e strillare..ora fate i bagagli e muti..andate a cercarvi casa alla garbatella e a pagare l'affitto

Ritratto di Nahum

Nahum

Ven, 05/06/2020 - 16:08

Casapound accusa la Raggi, legge e ordine, due parole d'ordine della destra.. CHe personaggi inguardabili, rubano alla collettività cirticando il governo e le altre forze politiche perché non fanno abbastanza e poi si paragonano ai centri sociali e agli sballati dei rave che per inciso non durano 30 anni e non provocano un danno erariale di 4.6 milioni di euro ...