Colleferro, massacrato di botte in strada, ragazzo muore a 21 anni

Il giovane, di origini capoverdiane, è stato pestato a calci e pugni e lasciato a terra privo di sensi: inutile la corsa all'ospedale di Colleferro. Fermati dai carabinieri 4 giovani di Artena

Potrebbe trattarsi di una vera e propria spedizione punitiva quella al termine della quale a rimanere ucciso a Colleferro (Roma) è un 21enne originario di Capo Verde, isola situata in un arcipelago al largo della costa occidentale dell'Africa.

Ad essere brutalmente aggredito e pestato a sangue nella notte tra sabato 5 e domenica 6 settembre Willy Monteiro Duarte, residente nel comune di Paliano (provincia di Frosinone), dove viveva insieme alla sua famiglia. Stando a quanto riferito fino ad ora dagli inquirenti, i quali mantengono il massimo riserbo dato che le indagini sono tuttora in corso, il giovane sarebbe stato avvicinato da un gruppo composto almeno da cinque ragazzi in piazza Oberdan intorno alle ore 2:30 del mattino. Il luogo, nelle vicinanze di Piazza Italia e in piena zona movida di Colleferro, è frequentatissimo dai giovani che vi trascorrono la serata anche dopo la chiusura dei locali notturni.

Non sono ancora chiare le dinamiche dell'omicidio, nè tantomeno le cause alla base di un'aggressione di tale violenza. Fatto sta che il 21enne è stato pestato a sangue dai responsabili i quali, stando a quanto riportato da Frosinone Today, avrebbero cercato di allontanarsi dal posto e di fuggire a bordo di un suv di colore nero dopo aver lasciato a terra e privo di sensi il giovane sul quale si erano accaniti. In condizioni disperate, il 21enne è stato assistito dal personale sanitario del 118, giunto sul luogo dell'aggressione a sirene spiegate: il trasporto d'urgenza all'ospedale di Colleferro si è rivelato vano, dato che il ragazzo ha perso la vita.

A condurre le indagini, ed a giungere per primi in piazza Oberdan, i carabinieri del comando compagnia di Colleferro, che hanno subito interrogato i presenti. Fermati e trasportati in caserma per un colloquio più approfondito quattro giovani, provenienti dal comune di Artena, secondo quanto riportato da FanPage. Ad aiutare gli inquirenti anche le immagini che potrebbero esser state riprese da alcune videocamere di sorveglianza presenti in zona.

"Sconforto e disperazione", commenta il primo cittadino di Paliano Domenico Alfieri su Facebook. "Questo è quello che prova in questo momento la nostra città per la perdita del nostro Willy. Uno splendido ragazzo che si è trovato nel posto sbagliato, nel momento sbagliato. Tutta la città di Paliano si stringe intorno alla famiglia e ne condivide l'immenso dolore ".

"Siamo sconvolti, siamo una cittadina di persone per bene e non siamo abituati ad episodi di questo tipo", dichiara invece il sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna, come riportato da "Il Corriere". "Infatti, dopo questa tragedia, si respira un'aria diversa in paese. La rissa, tra l'altro, era tra ragazzi provenienti da Artena e da Paliano. Non c'erano giovani di Colleferro. Nessuno però vuole strumentalizzare un dramma di questo tipo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Dom, 06/09/2020 - 14:18

Ragazzo "di orgini" capoverdiane. L'eufemismo è assolutamente necessario, vero?

paolone67

Dom, 06/09/2020 - 16:12

@Quintus_Sertorius: potrebbe voler dire che è stato adottato. Io ho un figlio adottato in Congo che si definirebbe "di origini congolesi", ma è italiano quanto me e te perché educato come un italiano da italiani.

routier

Dom, 06/09/2020 - 17:27

Sono le tragedie innescate dalle società multietniche e multirazziali che si rivelano socialmente fallimentari ovunque praticate. (vedi USA). Prenderne atto non è razzismo ma la cruda e triste realtà. L'umanità è ancora lontana dal concetto di "ecumenismo sociale". Per averlo in modo compiuto dovremo aspettare ancora parecchi secoli.-

Alessio2012

Lun, 07/09/2020 - 10:12

SE ERA BIANCO NON NE AVREBBE PARLATO NESSUNO...

Brutio63

Lun, 07/09/2020 - 17:08

Pene severe, nessuna attenuante e lavori socialmente utili per pagare le spese di mantenimento in carcere agli Italiani per tanti tanti anni senza sconti e permessi premio diseducativi!