Droga, risse e vandalismo: 19 minorenni denunciati

I controlli sulla baby gang di minorenni, dopo le segnalazioni dei residenti tra l’ex Fornace Veschi, Valle Aurelia e il nuovo centro commerciale Aura

Droga, risse e vandalismo: 19 minorenni denunciati

Si tratta di una vera e propria gang che destava paura e preoccupazione in alcuni quartieri di Roma. Da tempo i residenti di Valle Aurelia, Prati e della zona di Cipro segnalavano la presenza di bande di ragazzini violenti. Risse, episodi di vandalismo, in alcuni casi anche lanci di sassi dal cavalcavia. I carabinieri hanno denunciato 19 giovani, quasi tutti minorenni.

Uno per droga, 4 per rissa e 14 per invasione di edifici in concorso e danneggiamento. Tante le denunce arrivate ai carabinieri. Tutte con la stessa collocazione a ridosso dell’ex fornace Veschi a Valle Aurelia e del vicino nuovo centro commerciale. Da qui è partita l’azione dei militari della stazione Roma Madonna del Riposo che hanno intensificato i controlli per aumentare la percezione di sicurezza dei cittadini. In una settimana di assidui servizi di controllo, i carabinieri hanno denunciato 19 persone.

In gran parte sono residenti nello stesso quartiere, ma anche provenienti da altre zone della città. Si ritrovavano tra le vie di Valle Aurelia. Il primo ragazzino 15enne romano è stato denunciato in stato di libertà poiché trovato in possesso di una busta di cellophane contenente 7 dosi di erba, ai fini di spaccio, che sono stati sequestrati. Altri 4 minori, tra i 15 e i 17 anni, sono stati denunciati perché sorpresi mentre partecipavano a una rissa, innescatasi per futili motivi, nei pressi del piazzale antistante il centro commerciale "Aura".

Sono 12 minorenni, tra i 14 e i 17 anni, e 2 appena diciottenni, i ragazzi sorpresi invece dai carabinieri all’interno della struttura comunale la Fornace, da pochi anni ristrutturata ma con gli spazi interni vuoti e attualmente chiusa. I 14 ragazzi, dopo aver superato le recinzioni di protezione, hanno bivaccato all’interno danneggiando le installazioni interne e materiali edili presenti nella citata struttura. Poco tempo fa un caso analogo. Picchiavano e rapinavano le loro vittime per niente. Brutali aggressioni ripetute nel tempo a Fonte Nuova, comune della provincia nord est di Roma.

A commetterle un branco di giovani di età compresa tra i 19 e i 26 anni che facevano parte di una vera e propria gang di picchiatori. Tutti identificati dopo una lunga indagine. Alle prime ore del 30 gennaio l’operazione. Le accuse: rapina e lesioni personali aggravate. I carabinieri della compagnia di Monterotondo e gli agenti del commissariato di polizia di Tivoli, al termine di una complessa attività d’indagine diretta dalla procura di Tivoli, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di dieci persone. Cinque di loro sono state sottoposte alla custodia cautelare in carcere, 4 all’obbligo di dimora e una all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Commenti

Grazie per il tuo commento