Picchiata e violentata dal figlio: l'orrore del 38enne sulla madre

L’uomo, un 38enne, è stato arrestato. Era già conosciuto ai servizi sociali. La donna, fuggita da casa, è stata soccorsa da alcuni passanti

Terribile storia quella di una donna di 57 anni violentata e maltrattata dal proprio figlio, un 38enne alcolizzato. La madre, soccorsa in mezzo alla strada da alcuni passanti, è stata accompagnata al pronto soccorso in gravi condizioni. I medici hanno però ritenuto opportuno trasferirla in una struttura ospedaliera più grande. Si trova adesso ricoverata all’ospedale di Tivoli. Le forze dell’ordine che hanno ascoltato il suo racconto e hanno poi arrestato l’uomo, stanno ora indagando anche sui servizi sociali che conoscevano l’aggressore da molto tempo. Il figlio infatti era già stato denunciato in passato dalla donna stessa, per comportamenti violenti avuti nei suoi confronti. In diverse occasioni l’uomo aveva anche pestato selvaggiamente la sua vittima. La mamma però, mossa da compassione e amore materno, aveva subito dopo deciso di ritirare la denuncia.

Il figlio l'ha violentata

L’ultimo grave fatto è avvenuto nella notte tra domenica 1° marzo e lunedì 2. La 57enne sarebbe stata abusata sessualmente dal giovane che era in quel momento sotto i fumi dell’alcol. La violenza è avvenuta nella sua abitazione, a Subiaco, comune in provincia di Roma. Quando la vittima è riuscita a uscire dall’appartamento e a raggiungere la strada sottostante, è stata immediatamente soccorsa da alcuni passanti che hanno immediatamente allertato le forze dell’ordine. Sul posto sono quindi giunti i carabinieri che, dopo aver chiamato il 118, si sono diretti nella casa, dove hanno trovato il figlio ancora ubriaco, e lo hanno arrestato. Il 38enne, alcolizzato e particolarmente violento, è risultato un soggetto già ben noto ai servizi sociali che lo stavano seguendo da diverso tempo. La madre infatti aveva già in passato denunciato il ragazzo.

I servizi sociali sapevano tutto

Compito dei militari sarà anche quello di capire se qualcuno abbia sottovalutato la pericolosità dei suoi comportamenti o se, al contrario, fosse già stato segnalato alle autorità di competenza. La vittima in un primo momento era stata portata in un pronto soccorso locale ma, considerate le sue gravi condizioni, i medici hanno ritenuto opportuno trasferirla all’ospedale di Tivoli, dove è poi stata ricoverata. I dottori che l’hanno visitata hanno riscontrato segni evidenti di una violenza sessuale. Il 38enne al momento è stato rinchiuso in carcere, dove rimarrà a disposizione dell’Autorità giudiziaria. Nei prossimi giorni, probabilmente, la mamma verrà ascoltata nuovamente dagli inquirenti.

Un altro episodio simile era avvenuto a febbraio a Nola, nel napoletano. Quella volta, fortunatamente, la violenza sessuale era stata evitata. Il figlio non era riuscito ad abusare della madre, di origini rumene. Il 29enne aveva però picchiato violentemente la donna, prima di essere arrestato dalle forze dell'ordine.

Segui già la pagina di Roma de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Happy1937

Mer, 04/03/2020 - 09:46

E poi gli sciagurati senza cervello sostengono che è stato giusto chiudere i manicomi!

MammaCeccoMiTocca

Mer, 04/03/2020 - 09:50

Ora cari signori dei servizi sociali, fate come avete fatto a Bibbiano, questo è un caso che lo merita. E vediamo poi i risultati.

dixie.dixie

Mer, 04/03/2020 - 10:02

Gia'....gli stessi servizi sociali cosi' celeri e pronti a togliere bambini dai genitori..... E gia', ma qui non c'e' niente su cui lucrare!

GIAMPAOLOFERRARI

Mer, 04/03/2020 - 10:32

Credo sarebbe utile asportare pene e bulbi a questi soggetti in modo da renderli innocui.

Rossana Rossi

Mer, 04/03/2020 - 10:53

i risultati di un buonismo compassionevole solamente deleterio.

gianf54

Mer, 04/03/2020 - 11:03

Ma guarda: sapevano tutto e non hanno fatto niente? Giudici di sinistra, vediamo ora che fate...

lorenzovan

Mer, 04/03/2020 - 11:47

bella gente che ci paghera' la pensione...

ziobeppe1951

Mer, 04/03/2020 - 12:14

Kompagni che sbagliano

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 04/03/2020 - 12:31

Poverino... Non ha superato il complesso di Edipo? Comunque, a parte ciò, c'è da dire un'altra cosa, tra le tante che si potrebbero e dovrebbero dire sulla grave situazione attuale, che vale per tutte le vicende che accadono in un paese dominato dalla Legge della Giungla. Negli ultimi anni va di moda, tra i fomentatori di caos, la tesi che qualsiasi responsabile di qualsivoglia reato o azione, che si svolga al di fuori della 'norma', non va criticato, colpevolizzato e punito. Semplicemente va compreso, con amore, col dialogo, con la tolleranza, con l'umanità... E tutto il resto delle scemenze solite.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 04/03/2020 - 12:31

Quindi, se si volesse dare retta a tutti gli psicologi, i psicanalisti e sociologi vari, tutti viziati dal tarlo dell’esistenzialismo degenerato, il tizio che ha abusato della madre, poverino, va semplicemente capito. Il che significa una sola cosa: assecondare le sue primordiali pulsioni, venire incontro ai suoi ulteriori bisogni degenerati. Perché la troppa libertà concessa e i tanti diritti elargiti questo comportano: che si alimenta l'insana voglia di andare sempre oltre nei desideri.

killkoms

Mer, 04/03/2020 - 12:45

da manicomio criminale..!

investigator13

Mer, 04/03/2020 - 14:23

...già i servizi sociali… A che servono? Ancora non l'abbiamo ccapito

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 04/03/2020 - 16:40

I servizi sociali non avevano tempo...troppo occupati a Bibbiano...Emilia...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 04/03/2020 - 19:20

Che ci sta a far al mondo gente del genere?

Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Mer, 04/03/2020 - 19:36

I servizi sociali (ma de che?) sono solo mangiatoie. Composte da perfetti ignoranti, presuntuosi e assolutamente incapaci per cultura e formazione di gestire una materia tanto complessa e delicata come quella che è loro affidata. Il bello poi è che non hanno nessun controllo puntuale sulle loro attività! e chi potrebbe/dovrebbe di fatto farlo è addirittura peggio (e molto) di loro. Tra l'altro, questi ultimi non sono neppure soggetti a un esame psicoattitudinale - che la maggior parte di loro non supererebbe.