Migranti positivi occupano il centro di accoglienza. I residenti: "Ora pericolo di fughe"

Dopo la rivolta dello scorso giovedì il Cas di via della Riserva Nuova è autogestito dai migranti. Prima del caos erano già stati registrati 30 casi di positività al Covid. I residenti: "C'è il rischio di fughe, temiamo la diffusione del virus"

Un manipolo di migranti giovedì ha preso il controllo del Cas di via della Riserva Nuova, alla periferia Est della Capitale. Dopo una giornata di passione, gli operatori della cooperativa che lo gestisce sono stati messi alla porta. Malumore e insofferenza, nel centro in cui sono state scoperte alcune decine di casi Covid, serpeggiavano già da tempo. Due giorni fa si è raggiunto il punto di non ritorno. Il motivo è sempre lo stesso.

Lo stesso che ha spinto un gruppo di tunisini a mettere a ferro e fuoco il centro Mosè di Agrigento, bersagliando la polizia con estintori, pezzi di vetro e pietre. Lo stesso che è all’origine della raffica di agitazioni e fughe che si sono verificate nelle strutture di accoglienza e a bordo della navi quarantena dall’inizio dell’emergenza sanitaria ad oggi.

Anche a Roma l’obbligo di rimanere confinati nella struttura ha fatto da innesco a una vera e propria rivolta. Ad aizzare la massa è stato un gruppetto di una decina di facinorosi. Non c’è voluto molto prima che il clima si arroventasse, costringendo i dipendenti della cooperativa a rifugiarsi negli uffici per mettersi al riparo dalle ire dei rivoltosi e dal rischio contagio. La loro liberazione è arrivata solo dopo l’intervento massiccio degli agenti del Commissariato Casilino e del Reparto Mobile, che hanno intavolato una lunga trattativa con i richiedenti asilo.

Ma la situazione adesso qual è? Regna l’anarchia. Abbiamo avuto modo di constatarlo con i nostri occhi. I circa duecento ospiti del Cas sono rimasti soli all’interno della struttura. Li vediamo tirare calci al pallone in cortile, assembrarsi per fumare e chiacchierare a gruppetti come se nulla fosse. Ognuno fa come gli pare. Si contano sulle dita di una mano quelli che indossano la mascherina e si tengono a debita distanza dai propri compagni. C’è una promiscuità micidiale.

Tutto questo accade in una struttura dove ci sono almeno trenta casi accertati di positività al virus. Il quartiere è sotto choc. “Ma come è possibile che li abbiano lasciati ad autogestire il centro? Lì dentro ci sono decine di infetti, non possono lasciarli vivere nell’anarchia”, si lamenta un residente sulla cinquantina. “Quel posto – attacca – è una bomba sanitaria pronta a esplodere”. Non basta a rassicurare gli animi la presenza di una volante della polizia di Stato che presidia l’ingresso principale per scongiurare le fughe.

“C’è un versante che non è presidiato”, ci spiega il nostro interlocutore, invitandoci a svoltare l’angolo. Siamo su via Arielli e in prossimità del retro del Cas non scorgiamo né agenti né volanti. “Guardate lì – ci incalza l’uomo – c’è anche uno squarcio nella recinzione, per un migrante è facilissimo far perdere le proprie tracce, chi ci dice che non possa essere positivo al Covid?”. È proprio da questo lato del centro che i residenti hanno notato uno strano viavai, iniziato già nei mesi che hanno preceduto il lockdown.

“Li abbiamo visti scavalcare in più occasioni, anche di notte, passando da un lato all’altro della recinzione dei grossi borsoni”, testimonia un vicino che vuole rimanere anonimo. Tant'è che lungo tutto il perimetro della struttura è stata installata una rete più alta. “Chi ci assicura che non succeda ancora? Lì – annota puntando il dito in direzione dello squarcio – si è creata una falla e non c’è nessuno a vigilare”. Una situazione assurda. “Siamo alle solite, ci tocca rimanere barricati in casa perché a loro viene concesso di fare come gli pare”, annota polemico Emanuele Licopodio, presidente del Comitato popolare Roma est.

Sono sul piede di guerra anche i sindacati di polizia. È Michele Sprovara, segretario provinciale del Coisp, a riferirci il malessere delle divise. “Situazioni di questo tipo – denuncia – si stanno verificando su tutto il territorio nazionale, è in atto un’escalation che ci vede rischiare in prima linea con epiloghi spesso tragici”.

Un quadro destinato a complicarsi con la modifica dei decreti sicurezza. “Si sta smantellando il preesistente sistema delle espulsioni e dei respingimenti, sostituendolo con una politica migratoria che consentirà a moltissimi migranti di restare in Italia, anche a quelli che raggiungeranno o che hanno già raggiunto il nostro Paese in maniera irregolare”. Le conseguenze? “Il sovraccarico delle strutture di accoglienza, il moltiplicarsi di focolai e rivolte e il dilagare della microcriminalità”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 25/10/2020 - 10:17

Quand'è che sarà l'ora di dire basta? Mentre i Paesi africani se la ridono di essersi liberati di delinquenti, ora la patata bollente ce lo siamo presi noi, un Paese incapace di usare le manieri forti....e questi continuano ad arrivare. Potete metterne 10mila di poliziotti, ma se poi non li toccano nemmeno se si facessro calpestare tutti a cosa servono.

filoforte

Dom, 25/10/2020 - 10:18

Squadre d'assalto con lacrimogeni e bombe stordenti Poi tutti su un barcone con acqua e viveri direzione africa

TheExpatriate

Dom, 25/10/2020 - 10:21

Autogestione? Siamo ben oltre il ridicolo. Blindate il perimetro esterno, con l'esercito se necessario, tagliate acqua, elettricità e viveri poi vediamo come si 'autogestisce' chi è abituato ad avere tutto gratis.

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 25/10/2020 - 10:30

Ormai il governo non conta più nulla non è nemmeno in grado di gestire i migranti che esso stesso ha fatto sbarcare. Non lamentatevi se la gente comincera a ribellarsi.

Cheyenne

Dom, 25/10/2020 - 10:45

URGE UN GOVERNO FORTE

Jon

Dom, 25/10/2020 - 10:52

Eh..la SEMANTICA..Centri di ACCOGLIENZA invece che di DETENZIONE.. Come l'Italia che segregata, accomunata ai Clandestini in Rivolta, fara' lo stesso, fra non molto, e non ci saranno Polizia, militari che tengano..Moriremo per la Liberta'..non di Covid..!

Ritratto di moshe

moshe

Dom, 25/10/2020 - 10:53

GOVERNO DI INCAPACI, COLPEVOLE DELLA DISFATTA DEL NOSTRO PAESE ED UN MATTARELLO PERFETTAMENTE INUTILE, MOSTRUOSAMENTE COSTOSO E DANNOSO !!!

Ilsabbatico

Dom, 25/10/2020 - 10:53

Autogestione???? ...ma ditemi che è uno scherzo, almeno mi faccio una bella risata. Non posso proprio credere che ai clandestini sia permesso pure questo, sarebbe troppo...

Giorgio5819

Dom, 25/10/2020 - 10:59

MINISTERO DELL'INTERNO E PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, RIUSCITE ANCORA A NON VERGOGNARVI ?... "autogestione " di un grumo di CLANDESTINI entrati in Italia ILLEGALMENTE ... e parlate di coprifuoco covid ? VERGOGNOSI !!!

Giorgio5819

Dom, 25/10/2020 - 11:02

filoforte- 10:18,...massima condivisione, questo Paese ha bisogno di UOMINI al governo e misure serie contro l'illegalità. ...ma non manca molto, la pazienza é finita.

machimo

Dom, 25/10/2020 - 11:06

Di tutto questo degrado dobbiamo ringraziare mattarella. Solo lui a mantenuto giuseppi e il governo con di maio e lamorgese. Solo per distruggere l’Italia. Grazie mattarella.

Maura S.

Dom, 25/10/2020 - 11:46

Inviateci i militari d’assalto e dopo averli presi metterli su di una nave: che si cerchino loro un paese che li voglia ospitare. Che siamo diventati dei casotti, servi dei clandestini. Al diavoli l’ONU, la UE e tutti quei mangiapane a ufo che ci impongono di mantenerli, come pure il governo assieme al PdR che invece di pensare ai problemi del nostro paese, lasciamo che vada in malora.

Giorgio5819

Dom, 25/10/2020 - 11:59

Che fine hanno fatto TUTTI i parassiti commentatori quotidiani di sinistra che si trastullano a sparare fesserie su questo sito ?.....

ziobeppe1951

Dom, 25/10/2020 - 12:20

Non vedo il commento del kompagno Xgerico

QuasarX

Dom, 25/10/2020 - 13:18

ma e' possibile che uno STATO tolleri minimamente una cosa del genere?

Brutio63

Dom, 25/10/2020 - 13:43

Basta sbarchi di stranieri extracomunitari irregolari in Italia, basta con l’Italia terra di nessuno e campo profughi dell’europa!

honhil

Lun, 26/10/2020 - 10:13

Il ministro Lamorgese ha raggiunto l’obiettivo: caos e propagazione della pandemia sono assicurati. Mentre gli italiani restano confinati agli arresti domiciliari, con la maggioranza di loro anche condannata alla fame o perché già sul lastrico o perché hanno già al lumicino le disponibilità. Se questa non è pazzia, come chiamarla allora?