"Ho avuto paura di morire". Choc per la consigliera aggredita da un migrante a Colle Oppio

Paura per una consigliera municipale dei Radicali, insultata, inseguita e strattonata in pieno giorno da uno dei tanti migranti che pernottano a Colle Oppio

Il parco di Colle Oppio è di terra di nessuno. Il drammatico declino che sta vivendo il giardino archeologico all’ombra del Colosseo è raccontato dalle disavventure di chi lo frequenta. Storie che troppo spesso rimangono confinate dietro ai cancelli della villa perchè non fanno notizia. Perchè ormai essere minacciati e derubati lungo i viali del giardino o assistere allo spaccio di sostanze stupefacenti a due passi dalle altalene del parco giochi sono cose che appartengono all’ordinario. Così i riflettori rimangono spenti. Finché non capita qualcosa capace di riaccenderli.

Come è successo sabato scorso alla consigliera Nathalie Naim, eletta in I Municipio con i Radicali. Insultata, inseguita e strattonata in pieno giorno da uno dei tanti migranti che pernottano nel cantiere archeologico che si trova nella parte superiore del parco. Un’area di competenza del Ministero dei Beni culturali, interdetta dal 2005 e diventata negli anni un dormitorio a cielo aperto. Noi lo avevamo documentato già lo scorso settembre. All’epoca erano una cinquantina gli stranieri accampati sotto alle rovine romane e negli sfiatatoi della Domus Area. Ed è proprio questo che la Naim era andata a verificare.

“Ho ricevuto numerose segnalazioni dei cittadini e così mi sono recata sul posto per effettuare un sopralluogo”, racconta. Arrivata in prossimità del cantiere, la Naim si è subito resa conto del viavai di stranieri che scavalcano sistematicamente le recinzioni per raggiungere i loro giacigli. Così ha deciso di documentare tutto con il cellulare. Certo non immaginava che questo le sarebbe costato attimi di terrore. “Un uomo di colore all’interno dell’area archeologica - ricorda - ha comiciato a offendermi con insulti di ogni tipo”. Poi la situazione è degenerata.

“Ho sentito dei sassolini arrivarmi negli occhi - prosegue - e mi sono resa conto che erano schegge volate dalle pietre che quell’uomo mi aveva lanciato contro”. La consigliera chiama i carabinieri. I militari controllano i documenti dell’aggressore e invece di arrestarlo gli intimano di raccogliere le sue cose e andarsene. Inutili le rimostranze della Naim. Delusa dall’esito dell’intervento, la consigliera si allontana, proseguendo il suo sopralluogo in viale Fortunato Mizzi. Uno dei viali principali della villa. “Anche qui ho notato alberi adibiti a stenditoi e gruppi di stranieri dall’aspetto poco rassicurante che stazionavano nei paraggi”. Ma stavolta non ha neppure il tempo di mettere a fuoco perchè dietro di lei compare l’uomo che l’aveva minacciata qualche minuto prima.

La strattona e le sottrae il telefono scagliandolo a terra e mandando in frantumi lo schermo. La Naim è nel panico. “Ho avuto paura di morire”, ricorda. Prova a scappare ma lui la insegue. Con sè ha un bastone appuntito e lo brandisce come fosse una lancia. È determinato a fargliela pagare. “Ha cercato di infilzarmi con un bastone di due metri, ho avuto veramente paura, non sapevo più cosa fare per salvarmi”. Tutto si svolge alla presenza di una trentina di persone. Qualcuno prova a calmare l’uomo, qualcuno rimane pietrificato dallo choc, altri chiamano le forze dell’ordine. Arrivano cinque gazzelle dei carabinieri a sirene spiegate. Inizia la caccia all’uomo che, nel frattempo, si è dileguato.

“Mi hanno scortata all’interno del cantiere archeologico per vedere se c’era ma non l’abbiamo trovato”. Il violento putroppo è ancora a piede libero. La consigliera è furente. “Non capisco cosa stiano aspettando il ministro Franceschini e il prefetto Pantalone a porre fine a questa situazione inaccettabile e indegna per un paese civile”, si sfoga. “Colle Oppio - denuncia - è una bomba ad orologeria e una vergogna nel cuore di Roma. Spero che si intervenga al fine di restituire l’area al pubblico, mettendola in sicurezza, così come i monumenti antichi, fra i più importanti del pianeta, che necessitano di essere finalmente liberati, consolidati e restaurati”.

Commenti
Ritratto di eaglerider

eaglerider

Lun, 30/12/2019 - 22:12

Questa è l'Italia del futuro sinistro. Bravi italiani, votateli ancora !

QuasarX

Lun, 30/12/2019 - 23:05

sarebbe da ridere se la situazione non fosse cosi' tragica...

Ritratto di tox-23

tox-23

Mar, 31/12/2019 - 00:06

Qualche ritardo nell'integrazione?

fabiano199916

Mar, 31/12/2019 - 00:57

Potrebbe essere tentato omicidio, non si capisce come mai non sia stato arrestato

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 31/12/2019 - 01:00

Cara consigliera ,forse non l'ha ancora capito,le risorse non si toccano ;è inutile appellarsi a Franceschini,principale sostenitore dell'immigrazione clandestina.

anna.53

Mar, 31/12/2019 - 07:08

Che sia una radicale dopo anni ad accorgersi suo malgrado dei rischi che si corrono in talune zone fuorilegge, spiace per l'aggressione ma davvero da costoro si sentono sempre le solite difese d'ufficio di sbandati che interpretano l'ospitalità come sopraffazione e padronato dei luoghi in cui stazionano. E attribuiscono, sempre i radicali, (coi loro amici di sx) alla gente comune che teme questi insediamenti dove si saldano delinquenza autoctona con quella importata, la semplicistica parente di 'portatori di paura verso il diverso', antieuropei e amenità simili. Purtroppo una visione miope e non consona a una integrazione coniugata con severità e repressione dei violenti o di occupanti spazi senza titolo. È ora di battersi x immigrazione controllata e non da paese poco serio. E dire che conosco personalmente parecchi immigrati anche del nord Africa rispettosi e per bene. Ma senza lavoro stabile è grave...

VittorioMar

Mar, 31/12/2019 - 08:23

..E' la NUOVA RAZZA ELETTA PADRONA..NOI i nuovi SCHIAVI GHETTIZZATI...W questa chiesa ..W pd+m5s !!

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Mar, 31/12/2019 - 08:47

È stata imprudente la consigliera ad inoltrarsi senza a scorta a Colle Oppio: come si può evincere dal nome, quello è un territorio dei nigeriani.

maurizio50

Mar, 31/12/2019 - 08:56

I cialtroni che importano sub umani dall'Africa hanno ridotto l'Italia ad una specie di savana dove imperversa la legge della jungla. Ciò grazie alla scomparsa dello Stato, sparito nei suoi principi fondamentali di organizzazione preposta alla tutela della difesa e degli interessi dei cittadini che lo compongono. E' un indiscutibile merito della stupidità dei governanti degli ultimi venticinque anni, di cui , senza ombra di dubbio i peggiori sono stati e tuttora sono i catto comunisti targati PCI-PDS-DS- PD. !!!!!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 31/12/2019 - 09:57

PollaroliTarcisio Mar, 31/12/2019 - 08:47 A parte la sua ironia,quello è sempre demanio dello Stato e lo resterà finché le leggi funzionano. Si auspica che il possesso abusivo di quel territorio venga ridato alla popolazione cittadina e che ci sia una bonifica che porti a smantellare la mafia nigeriana che si è radicalizzata.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 31/12/2019 - 09:58

maurizio50 Mar, 31/12/2019 - 08:56...PCI-PDS-DS- PD. !!!!! Io aggiungerei il PdR!

baio57

Mar, 31/12/2019 - 10:22

E' solo percezione.

mimmo1960

Mar, 31/12/2019 - 10:35

Non è una novità, non c'è sicurezza pubblica.

Calmapiatta

Mar, 31/12/2019 - 11:01

Attendo, con impazienza, un commento all'evento, da parte della Signora Boldrini. In questa storia c'è il fallimento dello Stato, il fiasco dell'accoglienza (ridotta a mero business), il degrado di una città unica, la superficialità delle Forze dell'Ordine (consce che un loro intervento è inutile) la sconfitta dei cittadini che ormai si sono assuefatti all'inciviltà. Insomma, il trionfo della sx progressista.

cgf

Mar, 31/12/2019 - 11:09

Da certe menti antropologicamente più intelligenti della norma, mi aspetto affermazioni del tipo è colpa di Salvini che istiga.

Romalupacchiotto

Sab, 04/01/2020 - 00:32

E che devono dire , non sanno che dire e si attaccano al fumo della pipa.