"Io, allontanato da mio figlio per colpa delle femministe"

La battaglia legale di un papà per rivedere suo figlio. La ex è accusata di aver ostacolato i rapporti fra i due, ma con lei si schierano politici di sinistra e associazioni femministe. E i giudici dicono che il bambino deve restare con la madre

"Ormai non mi affaccio più nemmeno alla finestra, qui sotto c’è un asilo e quando vedo i bambini che giocano penso al mio nipotino, immagino come sarà diventato, a chi di loro potrebbe assomigliare". La mamma di Giuseppe ha 86 anni ed un unico desiderio. Rivedere suo nipote. L’ultima volta che si sono incontrati lui aveva due anni. Ora non sa più nemmeno che faccia abbia.

Giuseppe, suo figlio, da anni combatte nelle aule di tribunale per il diritto di vederlo. "Negli ultimi tre anni l’ho visto per 4 ore e 46 minuti", racconta. E dall’ottobre del 2019 non lo riesce più a sentire nemmeno per telefono. "Ogni volta che chiamo a casa della mia ex è occupato, oppure squilla a vuoto", si sfoga. È difficile per lui ripercorrere questi dieci anni di calvario senza abbandonarsi alle lacrime.

Conosce Laura nel 2007. Dopo neanche un anno i due si ritrovano a vivere insieme. "Un amore travolgente", giura. Quando finisce la passione, iniziano i litigi. Tanti, troppi. Nel 2010 nasce L., due anni dopo Giuseppe propone a Laura di sposarlo. La loro relazione, però, è già compromessa. E finisce nel peggiore dei modi. Il tribunale civile affida il bambino ai servizi sociali e lo colloca a casa della madre, obbligando la coppia a seguire un percorso di sostegno alla genitorialità .

Le cose però non vanno come dovrebbero. La conflittualità, col passare delle settimane, non fa che esasperarsi. La donna ostacola gli incontri padre-figlio. I due si accusano reciprocamente. Una sequela di denunce, querele, illazioni. Fino all’accusa più infamante: quella di abusi sessuali sul piccolo. Giuseppe si dichiara innocente. E la sua estraneità ai fatti, dopo qualche mese, viene confermata anche dai giudici, che archiviano il procedimento.

La donna però continua sostenere che per il bene del bambino è meglio che Giuseppe e L. non si incontrino. E dopo qualche mese il piccolo inizia a rifiutare categoricamente di voler vedere il papà, finché una consulenza tecnica accerta la sindrome da alienazione parentale. Laura, secondo gli esperti, ha inculcato a L. un sentimento di odio nei confronti dell’altro genitore. Rifiuto e paura ad incontrare il padre, secondo gli psicologi, sono il risultato di un vero e proprio lavaggio del cervello.

Alla base c’è la convinzione che L. possa vivere tranquillamente anche senza il papà. "Un atteggiamento ideologico che ha praticamente reso mio figlio orfano di padre vivo", denuncia Giuseppe. A questo punto il tribunale dei minori dispone il collocamento del piccolo presso la casa paterna. Ma dalla data della sentenza Laura inizia a protestare davanti al tribunale. Il caso finisce sui giornali e diventa oggetto di ben quattro interrogazioni parlamentari. Giuseppe, suo malgrado, finisce al centro di una battaglia ideologica.

In aiuto della madre scendono in campo politici e associazioni femministe: da Laura Boldrini a Valeria Fedeli, passando per l’allora segretario della Commissione per l’infanzia e l’adolescenza, la senatrice grillina Veronica Giannone. "Nel frattempo - racconta Giuseppe - il bambino sparisce, il nonno un bel giorno è andato a prenderlo a scuola e per più di un mese e mezzo ha saltato le lezioni". "Quando abbiamo tentato di attuare la sentenza del giudice, andando a prendere mio figlio a casa - continua - non abbiamo trovato nessuno".

Ad ottobre la Corte d’Appello accoglie parzialmente i ricorsi presentati da Laura. Secondo i giudici il bambino può restare dalla madre, ma "il conflitto genitoriale in cui è rimasto intrappolato", si legge nella sentenza della Corte, lo ha segnato profondamente. Tanto che i giudici lo definiscono "non perfettamente sereno". "Alle varie femministe che hanno supportato la mia ex chiedo: Avete mai ascoltato la mia storia, il mio punto di vista? Siete davvero sicure di aver fatto il bene di mio figlio?", domanda il papà.

Giuseppe si sente vittima di un’ingiustizia. "Di fatto applicare la sentenza di un tribunale è stato impossibile", denuncia. "Bisognerebbe fare di più - è il suo appello - per garantire ai bambini il diritto alla bigenitorialità". In tutto ha speso più di 90mila euro di avvocati, e da qualche tempo è entrato anche in analisi. "È una situazione che mi ha fatto a pezzi a livello morale, e mi ha distrutto sul piano economico", ci confessa. "Io comunque non mi arrendo, combatterò per rivedere mio figlio - promette - lui deve sapere che ha un papà che gli vuole bene".

Commenti

Giorgio5819

Gio, 13/02/2020 - 09:01

Pattume di sinistra, questo é lo schifo ideologico dei minorati comunisti...

electric

Gio, 13/02/2020 - 09:01

Ma come si fa ad essere concordi con la sboldrina e con i sinistri?

moichiodi

Gio, 13/02/2020 - 09:10

Boldrini e fedeli contro la mamma. Ma cosa scrivete?

Ritratto di Willer09

Willer09

Gio, 13/02/2020 - 09:51

....e intanto chi paga tutto questo? un bimbo.....

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Gio, 13/02/2020 - 10:46

"Alla base c’è la convinzione che L. possa vivere tranquillamente anche senza il papà". Ma la convinzione che i bambini possano (o meglio debbano) vivere senza padre, è la convinzione di tutti i Tribunali, gli avvocati e gli assistenti sociali. E guarda caso sono sempre magistrati donne, avvocati donne, assistenti donne che fanno il gioco di chi vuole distruggere la famiglia. Non per niente i manovratori hanno bisogno di menti deboli da comandare.

Ritratto di Milon

Milon

Gio, 13/02/2020 - 13:10

Caino e comunisti

necken

Gio, 13/02/2020 - 13:35

le femministe vorrebbero crescere i maschietti secondo principi "femministi"

lavieenrose

Gio, 13/02/2020 - 14:49

scusate ma non è la sinistra che rispetta tanto la magistratura e le sue decisioni? Forse è meglio ricordarlo alla boldrini, fedeli e c. Il vero femminismo è tutt'altro: questo è sciacqjuettume ideologico

maurizio-macold

Gio, 13/02/2020 - 15:28

L'ignoranza leghista emerge in tutta la sua evidenza nei post di questo forum. E pensare che sarebbe bastato un pochino di buon senso da parte dei due genitori ed il bambino, la vera vittima di questa separazione, avrebbe sofferto di meno. Invece dai post emerge l'odio leghista e maschilista con i soliti insulti alla Boldrini e la sinistra: boh ?!?

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Gio, 13/02/2020 - 16:57

Mai parlare di vicende giudiziarie di cui non si sono lette neppure le carte

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 13/02/2020 - 18:08

Fossimo nel MEDIOEVO, la Fedeli e la Boldrini, satebbero state bruciate vive!!! PECCATO!!! comunque, x maurizio-macold, 15:28, Non trova strano che se la democrazia all`italiana, fosse stata eccelsa, come ci fanno credere e come lei ci fa capire con la sua intelligenza inata """PERCHÈ SIAMO IL FANALINO DI CODa DEI PAESI EUROPEI??? E COME MAI CHE NEL MEZZOGIORNO, VIGE ANCORA (COME NEL MEDIOEVO) LE SIGNORIE ASSECONDATE DALLE MAFIE E DALLA CORRUZIONE, DOVE LO STATO ESISTE SOLAMENTE PER ASSECONDARE LA DELINQUENZA e sborsare miliardi su miliardi di EURO??? buonasera.

cir

Gio, 13/02/2020 - 18:19

Il 60 % delle donne servono ad una cosa soltanto. Il restante 40% neanche per quello .

Ritratto di iNick

iNick

Gio, 13/02/2020 - 21:00

Ci sono passato anche io, x nostra fortuna (mamma compresa) i nostri figli sono estremamente intelligenti. per quanto riguarda le assistenti sociali ed il tribunale dei Minori tutto il nostro disprezzo. Stronzi patentati.

ilcomunismohavinto

Gio, 13/02/2020 - 21:38

Un uomo che fa figli oggi consegna degli OSTAGGI in mano a qualcuno che, anche se non sempre, potrebbe usarglieli contro. Clemenceau diceva "La guerra è una cosa troppo seria per lasciarla ai militari"; parafrasando, si potrebbe dire che i figli sono una cosa troppo seria per farli con le donne.

Divoll

Gio, 13/02/2020 - 22:04

Questa madre non si rende conto del danno che sta facendo al figlio?

Ritratto di Valance

Valance

Ven, 14/02/2020 - 06:06

L’ha accusato falsamente di abusi sessuali? Ma per 'simulazione di reato' non si andava in galera?

Cittadino58

Ven, 14/02/2020 - 07:35

Ormai l'Italia è un paese totalmente allo sbando..