Non vogliono pagare la corsa: tassista pestato da tre nordafricani

Un tassista di 62 anni è stato picchiato e rapinato da tre nordafricani che si sono rifiutati di pagare la corsa da venti euro. L'allarme dei sindacati: "La città è sempre più pericolosa, le aggressioni sono all'ordine del giorno"

Sono saliti sul taxi alla stazione Termini, probabilmente arrivati con il treno da una zona periferica della città. Direzione via di Libetta, la Mecca dello sballo del quartiere Ostiense.

Arrivati a destinazione, Roberto Chiacchierini, tassista romano di 62 anni, controlla il tassametro. Sono venti euro. Ma i tre ragazzi nordafricani a bordo non hanno intenzione di pagare il conto. Appena si distrae per contare il resto scatta la violenza. Calci, pugni, spintoni. Colpi sferrati in pieno volto per riprendersi i soldi e derubarlo degli altri. Poi i malintenzionati si dileguano nei vicoli della movida.

Roberto, soccorso da alcuni passanti, si rimette alla guida e si dirige verso casa. È la moglie a portarlo, ancora sanguinante, all’ospedale Sant’Eugenio, all’Eur, dove il personale sanitario gli medica le ferite, che necessitano di diversi punti di sutura. La sua è la terza aggressione in meno di due settimane.

Sempre per un diverbio con una passeggera una collega era stata aggredita nei giorni scorsi in via delle Botteghe Oscure, nel centro della Capitale. La donna è stata presa a schiaffi dalla sua cliente per essersi rifiutata di passare sulla corsia preferenziale riservata ai tram, per evitare il traffico cittadino.

Stesse modalità dell’aggressione di venerdì notte anche per un altro tassista, picchiato e rapinato martedì in via dell’Ateneo Salesiano, al Nuovo Salario, da quattro persone che si sono rifiutate di pagare la corsa. Dopo averlo assalito gli hanno sottratto anche l’incasso della giornata. Sul caso era intervenuto l’assessore capitolino ai trasporti Pietro Calabrese, condannando l’atto “criminale” nei confronti di un operatore del servizio pubblico.

Ma la presa di posizione non è servita ad evitare altre due aggressioni. L’ultima ai danni di Roberto Chiacchierini. In realtà, ci rivelano gli addetti ai lavori, i casi di violenza contro gli autisti dei taxi sarebbero all’ordine del giorno, ma molti preferiscono non denunciare.

"Non vale la pena – ci dicono - perdere mezza giornata al commissariato per 30 o 40 euro". "Ormai operiamo in una città sempre più pericolosa, dove le aggressioni sono sempre più frequenti", denuncia Alessandro Genovese, sindacalista dell’Ugl Taxi. Roberto lo conosce personalmente. "È un collega e un uomo dal cuore grande, fa rabbia pensare a quello che gli è successo", ci dice. "Ma ormai – confessa - abbiamo perso le speranze".

"Sono anni – attacca - che sentiamo parlare di sicurezza da parte della Regione Lazio, ci avevano promesso lo stanziamento di fondi per telecamere e pulsanti anti-rapina collegati direttamente con la questura, ma non sono mai arrivati". "E i tassisti – conclude - restano quotidianamente in balìa di sbandati e balordi".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

tremendo2

Dom, 19/01/2020 - 12:26

per favore, dite alla ministra di fare la tassista

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 19/01/2020 - 12:32

ccianno raggione le risorse!!al loro paesello è tutto aggratisss....o no???

Reip

Dom, 19/01/2020 - 12:34

...Roma citta’ aperta!

Altoviti

Dom, 19/01/2020 - 12:36

Caricarli su un aereo e farli saltare di notte col paracadute nel deserto del loro paese.

amedeov

Dom, 19/01/2020 - 12:46

La loro cultura sarà la nostra. Infatti ieri ho letto che un italiano, o presunto tale, ha picchiato una ragazza capotreno solo per avergli chiesto il titolo di viaggio e un comportamento più consono.

Adespota

Dom, 19/01/2020 - 12:49

Ovvio. Le nostre care ( anzi, carissime) risorse sono così abituate a viaggiare gratis che non fanno più distinzione tra autobus, treni, metro e taxi.

aldoroma

Dom, 19/01/2020 - 13:21

Sono risorse... Loro possono

Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 19/01/2020 - 13:49

vi lamentate da anni ma da anni votate a sinistra e M5S, per cui chi è causa del suo mal pianga se stesso,trasformate i taxi come in america con una vetro separatore e non solo, e munitevi di qualcosa che possa difendervi...

Brutio63

Lun, 20/01/2020 - 09:48

Grandi Risorse per l’Italia impegnate a lavorare duro per pagarci le pensioni!