Reddito di cittadinanza, caos negli uffici postali

A Roma è caos negli uffici postali dove, a partire da mercoledì, si presenteranno migliaia di persone per depositare la loro richiesta di reddito di cittadinanza

Caos negli uffici postali della Capitale. "Per una migliore gestione delle richieste del reddito di cittadinanza vi invitiamo a presentare le domande in funzione del cognome dei richiedenti", si legge in un cartello affisso davanti a uno sportello delle poste di via Caffarro, quartiere Garbatella di Roma.

La faccenda è semplice e complessa allo stesso tempo. Per facilitare lo 'smaltimento' delle domande in arrivo, racconta il Corriere della Sera nella sua edizione romana, i richiedenti sono stati suddivisi in 7 gruppi di modo tale che, a partire dal 6 marzo fino ai successivi sette giorni lavorativi, gli impiegati ricevano prima coloro che hanno un cognome che inizia con la lettera A o B, poi con la C e via discorrendo. Ma, in fondo al foglio, c'è una precisazione in piccolo: "Le domande presentate in un giorno diverso da quello previsto dal calendario verranno comunque accettate". Un sistema farraginoso che, a seguito di questa sorta di post scriptum, è stato bene presto abbandonato dagli altri uffici che l'avevo dovuto adottare in base alle disposizioni arrivate "dall'alto". Nell'ufficio postale di via Arenula, infatti, gli impiegati spiegano: "Ci hanno detto che quella regola non vale più". A Testaccio dicono: "Non sappiamo se sarà davvero così oppure no in ogni caso metteremo un numeretto elimina code dedicato" anche se dall'azienda smentiscono. Voglio evitare i numeretti per non affibbiare ai richiedenti il "marchio di povertà". Intanto l'azienda, in via riservata e informale ha chiesto al Viminale di avere un supplento di agenti davanti agli uffici postali per i primi giorni in cui si prevede un maggior afflusso di persone che si presenteranno per fare domanda di reddito di cittadinanza.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 04/03/2019 - 12:43

povera Italia siamo tornati all'età della pietra con questi grillini al governo.

jaguar

Lun, 04/03/2019 - 13:04

Forse sono le stesse persone che ieri erano in coda ai gazebi del PD.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Lun, 04/03/2019 - 13:09

Portiamo pazienza fino alle europee, poi sistemiamo le cose come si deve.

maurizio-macold

Lun, 04/03/2019 - 13:10

Signor LANZI MAURIZIO (12:43), il governo e' formato da M5S e Lega, ed entrambi questi partiti sono responsabili di questo scempio di legge (reddito di cittadinanza). In sintesi, Salvini e' colpevole quanto Di Maio.

maurizio-macold

Lun, 04/03/2019 - 13:45

Signor JAGUAR (13:04), quelli che ieri facevano la coda ai gazebi del PD sono persone che vogliono far cadere questo governo prima che ci porti alla completa rovina economica e sociale.

Happy1937

Lun, 04/03/2019 - 13:50

Affollano gli Uffici Postali per un reddito che non riceveranno mai.

Ritratto di ...£iTaGlianoVero.

...£iTaGlianoVero.

Lun, 04/03/2019 - 14:06

a pomigliano ed in tutto il sud è FESTA GRANDE, è partita la corsa ad accaparrarsi il reddito di NULLAFACENZA...altro che le scarpe di lauro

SpellStone

Lun, 04/03/2019 - 15:19

VABBE UN ARTICOLO AL GIORNO DEVE DIRE CHE C'E' CAOS PER QUALCHE COSA.... PURE NELLA SERAFICA TRANQUILLITÀ DELLE POSTE ITALIANE E' ARRIVATO IL CAOS?

Ritratto di computerinside

computerinside

Lun, 04/03/2019 - 16:13

Sono del sud . Sono nato a Napoli. Sono contro il reddito di cittadinaza! Ho 65 anni con fatica ho trovato lavoro e rischio la vita...faccio im metronotte.No a milioni di scansafatiche in giro a farsi canne o semplicemente ad oziare.

baio57

Lun, 04/03/2019 - 16:37

@ mauriziomacold Guarda che quella di ieri al gazebo era solo una rimpatriata tra sinistrioti ,per dare ancora un senso alla vostra triste esistenza di perdenti perenni ormai cancellati dalla storia.