Il ricatto dei rom: "Noi via? Dateci case e lavoro"

Protestano gli inquilini sotto sgombero del campo rom di Castel Romano. La maggior parte di loro non possiede il permesso di soggiorno e i documenti necessari per ricevere assistenza alloggiativa e lavorativa dal Comune

La tregua armata tra Nicola Zingaretti e Virginia Raggi si è rotta. Il punto di caduta di un’alleanza mai decollata è il "villaggio della solidarietà" di Castel Romano. Una distesa di container, roulotte e immondizia di ogni tipo che si estende nella porzione meridionale della città, a ridosso della via Pontina.

Se fino a qualche giorno fa era il centrodestra a fare da spina nel fianco di un’amministrazione che aveva promesso il superamento dei campi rom, adesso che le elezioni sono nell’aria si fa sentire anche il Partito Democratico. Il "pretesto" sono i continui roghi tossici che si levano dalla baraccopoli, come quello ripreso in diretta dalla trasmissione Le Iene lo scorso 23 giugno.

E così due giorni fa l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, ha firmato un’ordinanza che sollecita il Campidoglio a “procedere alla completa attuazione delle azioni organizzative e funzionali alla chiusura definitiva” dell’insediamento e “alla bonifica dell’intera area”. Una necessità già evidenziata nel corso dei recenti sopralluoghi condotti da Asl Roma 2 e Arpa, che hanno certificato l’assenza di condizioni igienico ambientali adeguate ad ospitare la comunità rom.

La risposta del Campidoglio non si è fatta attendere, ed è arrivata dall’avvocatura capitolina che ha impugnato l’ordinanza al Tar. La Raggi non ci sta a farsi dare lezioni dalla Pisana. Dopo l’escalation di incendi, infatti, il Comune era già corso ai ripari disponendo la chiusura della zona F, la più precaria del campo, entro 10 settembre.

Sul posto è intervenuta la polizia locale di Roma Capitale con gli agenti dei gruppi speciali PICS e GSSU, coordinati dal gruppo SPE e diretti dal comandante Stefano De Napoli, per posizionare un corridoio di new jersey che impedirà ai nomadi di introdurre nell’insediamento rifiuti destinati alla combustione. E non solo. “Gli agenti - ci racconta Marco Milani, coordinatore romano del sindacato dei caschi bianchi Ugl - hanno effettuato numerosi sequestri di veicoli e di targhe risultate prive di assicurazione, radiate o intestate a prestanome”.

Un’operazione che durerà diversi giorni e che ha messo in allarme i residenti del campo. "Ci stanno chiudendo nel recinto, non è giusto che facciano di tutta l’erba un fascio”, si lamenta qualcuno. Ma non tutti la pensano così. È un’anziana originaria della Bosnia a confessarci che “i vigili fanno bene”. “Non ce la facciamo più, i roghi - si sfoga - sono giornalieri e avvelenano anche chi abita qui dentro”. Nessuno però se la sente di puntare il dito contro i responsabili dei continui incendi. “Se lo facessi dovrei andarmene da qui, quella è gente pericolosa e chi si mette contro di loro rischia”, ci dice un rom che abita proprio accanto a una delle tante discariche presenti nell’insediamento.

“Invece di mettere le barriere dovrebbero portarci l’acqua corrente”, protesta invece una ragazzina che abita nel settore che la Raggi vorrebbe sgomberare. È lei, a proposito dei roghi e delle diverse attività illecite condotte dagli inquilini della favela, a sostenere che “la gente di qualcosa dovrà pur vivere”. Nel campo sono pochi quelli che hanno un lavoro. “Noi non ci andiamo a vivere sotto i ponti”, ci racconta un uomo croato sulla trentina. Stessa preoccupazione manifestata dal presidente dell’associazione 21 Luglio, Carlo Stasolla, secondo cui rischia di ripetersi lo stesso flop del Camping River.

Molti degli inquilini, infatti, non hanno la documentazione necessaria per accedere ai benefici previsti dal Piano Rom messo a punto dal Comune di Roma. In tanti non hanno neppure il permesso di soggiorno, senza parlare di passaporto, carta d’identità, tessera sanitaria e via dicendo. Il tempo stringe. È troppo poco secondo Stasolla per garantire alle famiglie “un percorso di fuoriuscita dal campo verso soluzioni alloggiative adeguate”. Sono 28 i nuclei familiari che si preparano a fare fagotto entro i primi di settembre. “Non ci stiamo, senza garanzie non ci muoviamo di qui, lo Stato - sentenziano i diretti interessati - ci deve dare una casa e un lavoro, non possiamo andare a vivere in mezzo alla strada”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

DRAGONI

Ven, 10/07/2020 - 10:09

DIAMOGLI IL LAVORO . CI SONO MOLTI TERRENI DA COLTIVARE E DA CURARE TUTTO L'ANNO. CHI NON ACCETTA O NON RENDE SUL LAVORO FUORI DALL'ITALIA PERPETUAMENTE.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 10/07/2020 - 10:17

andate in Bosnia a lavorare, altrimenti in Libia cercano personale.

aldoroma

Ven, 10/07/2020 - 10:30

A loro... Tutto sarà dato... A noi... Nulla

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 10/07/2020 - 10:33

I lor signori desiderano anche una Ferrari e un bel yacht???

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Ven, 10/07/2020 - 10:36

Forse ancora non è stato capito: noi non abbiamo la forza di poterli accogliere nel modo dovuto e loro non hanno la cultura e l'onestà civile per poter vivere in modo decoroso. Aspettano solo di essere sovvenzionati.... veri parassiti. È meglio se tornano a casa loro.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 10/07/2020 - 10:39

Casa e lavoro. Esattamente quello che agli Italiani è garantito sin dalla nascita, vero?

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 10/07/2020 - 10:55

e meno male, ce la siamo cavata bene! pensavo volessero vitto, alloggio, lavatura, imbiancatura e stiratura! invece vogliono solo casa,il lavoro, non vogliono, gli arredi, gli elettrodomestici, l'auto di grossa cilindrata e neanche le casse di birra giornaliere, sono dei veri spartani!

tremendo2

Ven, 10/07/2020 - 10:59

non vogliono segnalare i responsabili degli incendi tossici, però pretendono dalla stato di essere mantenuti. Poi devono capire (e qualcuno dovrà pur spiegarglielo) che vengono mantenuti con le tasse di chi lavora.

fedeverità

Ven, 10/07/2020 - 11:12

Casa e lavoro???? C'è gente che si spacca la schiena per comprare una casa....A LAVORARE....ALTRIMENTI FUORI TUTTI!!PARASSITI!

munsal54

Ven, 10/07/2020 - 11:20

Non si capisce perchè queste persone ,abusive e al di fuori della legge, arrivano in Italia e pretendono quello che non riescono ad ottenere nel loro paese di origine , ma forse, se ci riflettiamo si riesce anche a capire........ (purtroppo)

Ritratto di The_sailorman

The_sailorman

Ven, 10/07/2020 - 11:54

Ma questi credono che un "dare un lavoro" sia come offrire un bicchiere d'acqua? Bisogna trovare cosa produrre di vendibile, progettarlo, costruire una fabbrica, assumere chi sa il mestiere! Tutte bagattelle, specialmente di questi tempi in itaglia!! IMBECILLI!! Tornate da dove siete venuti, non abbiamo bisogno di parassiti, ne abbiamo abbastanza dei nostri!

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 10/07/2020 - 11:54

Io casa e lavoro gliela darei ma sotto stretta vigilanza militare. Organizzare grandi colonie agricole vigilate e gestite militarmente con tutti i servizi comprese le scuole per i ragazzi. Solo quando dimostreranno di essere completamente integrati, autonomi e rispettosi della legalità potranno riavere libertà totale. Il loro parassitismo e la condotta criminale hanno stancato, ora basta.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 10/07/2020 - 12:04

per iniziare ,si accontentano di casa e reddito di nullafacenza..

bobots1

Ven, 10/07/2020 - 12:12

Una mia conoscente italiana, giovane, laureata sta cercando anche lavoro con risultati al momento deludenti. Ora mi chiedo: perchè stranieri rom dovrebbero avere un lavoro mentre gli italiani se ne dovrebbero stare con le mani in mano? E casa? Chi avrebbe piacere di vivere vicino ad una famiglia rom e non per colpa nostra... cerchiamo di non essere ipocriti! Se non hanno il permesso di stare in Italia devono essere rimandati a casa loro. Mi chiedo perchè questo non succeda.

Giorgio5819

Ven, 10/07/2020 - 12:21

Il ricatto dei rom... solo un governo di parassiti può accettare il ricatto di altri parassiti. Da quando in qua i ladri possono permettersi di blaterare e pretendere ? FUORI DALL?ITALIA TUTTA QUESTA FECCIA che non ha alcun diritto di circolarci. Sinistra sempre accondiscendente con gli illegali.

Malacappa

Ven, 10/07/2020 - 12:41

A sti tizi gli basta la casa perche'il lavoro,quello lo lasciano ad altri

Antibuonisti

Ven, 10/07/2020 - 12:49

Casa e lavoro bisogna guadagnarseli e sopratutto bisogna avere voglia di lavorare cosa che dubito fortemente sia nei pensieri di questa gente.

jaguar

Ven, 10/07/2020 - 12:56

Ma i rom ce l'hanno già un lavoro.

ItaliaSvegliati

Ven, 10/07/2020 - 13:14

Vogliamo casa e REDDITO DI FANNULLANZA.....NO LAVORO...LAVORANO ITALIANI PER NOI....GRAZIE PDIOTI!!!!

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Ven, 10/07/2020 - 13:31

Egregio giovinap, agli altri elementi della sua lista i Rom provvedono da soli...

Ritratto di Adespota

Adespota

Ven, 10/07/2020 - 14:42

Ma che vogliono ? Un trattamento diverso dagli altri cittadini ? Lavoro, casa, servizi, forniture, tutti ope legis, a carico dello Stato o del Comune. Loro non conoscono i principi fondamentali della nostra Costituzione ( compreso quello di uguaglianza e di parità di trattamento), ma Stasolla dovrebbe averne vagamente sentito parlare; se fosse come chiedono la discriminazione si attuerebbe nei confronti di tutti gli altri i comuni cittadini, non garantiti in nulla, pur rispettando le regole civiche.

Divoll

Ven, 10/07/2020 - 16:27

Eh, si, come no, c'e' pieno di case libere e di lavoro per tutti. L'unica cosa che vi darei e' l'espulsione dall'Italia.

lorenzovan

Ven, 10/07/2020 - 16:59

e dategli sto' lavoro !!!!! nel casaertano a raccogliere pomodori nei campi angurie e meloni...10 ore al giorno...se proprio insistono !!!!

Ritratto di Gio47

Gio47

Ven, 10/07/2020 - 17:08

rom rivolgetevi a chi vi protegge, io la casa, anche se pagavo la trattenuta sulla busta paga me la sono guadagnata e pagata con soldi miei fino a quando è arrivato il sinistro di Veltroni e invece di costruite case ha regalato la cassa al cinema. se non sbaglio, lo Stato Italiano non regala casa ma ti dà la possibilita di comprarla. basta guardare lo schifo di filn che fanno i sinistri che vengono imbottiti di soldi.

maurizio50

Ven, 10/07/2020 - 19:10

E naturalmente Don Francesco l'Argentino dirà che hanno tutte le ragioni del mondo!!!!

jaguar

Ven, 10/07/2020 - 19:13

lorenzovan, ma vuoi scherzare, quelli sono lavori faticosi e mal pagati. Ripulire un appartamento è più gratificante.

trasparente

Ven, 10/07/2020 - 19:37

Maggiordomi in casa dei pidioti oppure autisti per i grillini. Per le case potete mandarli a Forte dei Marmi quando sono vuote...