Roma, rifiuti ancora in strada. Ma da Gualtieri un altro bonus per i netturbini

Sindacati e Ama raggiungono l'accordo per gli straordinari durante le festività: a chi lavora, un premio extra oltre a quello previsto dal contratto nazionale

Roma, rifiuti ancora in strada. Ma da Gualtieri un altro bonus per i netturbini

Non solo il bonus presenze per chi non si ammala. Non solo la richiesta ai romani di non incartare i regali, per evitare la sovrabbondanza di rifiuti. Ora su Ama aleggia lo spettro di un nuovo “incentivo” per i netturbini (chiamarli “spazzini”, ormai, è poco politicamente corretto). A quasi un mese dall’accordo sindacale sul bonus, infatti, i rifiuti sono ancora per le strade e Gualtieri vede allontanarsi l’obiettivo - dichiarato - di ripulire la città per le feste di Natale. In compenso, però, i netturbini sono riusciti ad ottenere un secondo premio.

Ne ha parlato ieri l’inviato di Quarta Repubblica, trasmissione condotta da Nicola Porro su Rete 4. Si tratta per la precisione della “replica” di quanto concordato anno scorso per i festivi sotto l’albero. Per le giornate del 25 e 26 dicembre, oltre a quelle del primo e 6 gennaio, i dipendenti di Ama “costretti” a lavorare avevano ottenuto non solo il 50% in più del compenso (come previsto per tutti dal contratto collettivo nazionale), ma anche un extra: 70 euro lordi per ciascuna giornata lavorativa per il 25 dicembre e il primo gennaio; e 35 euro lordi per le altre due festività. A chi poi ha assicurato la propria prestazione lavorativa in tutti e quattro i giorni, senza prendere ferie né riposi, ha ottenuto un ulteriore importo lordo aggiuntivo di 110 euro. Totale 320 euro, che sommati alla maggiorazione standard (360 euro) fanno circa 680 euro lordi. L'accordo, riporta Quarta Repubblica, è stato riproposto anche quest'anno. “Se so magnati il primo premio, non hanno fatto niente, e ora je damo pure er secondo?”, ragiona una signora per strada.

“Stare al lavoro a Natale, capodanno e Santo Stefano è un aggravio - prova a difendersi Marino Masucci, segretario generale Fit Cisl Lazio - ed è giusto che venga dato un premio aggiuntivo rispetto al contratto nazionale”. E poco importa se si tratta di un incentivo su un incentivo già previsto. Two gusti is meglio che one, diceva una pubblicità. Il tutto, al momento, senza grandi risultati dal lato della raccolta. “Ama sta negoziando i premi di produttività e deve rivolgersi ad Ama - dice il sindaco Gualtieri - quello che abbiamo chiesto alla nostra azienda è di intensificare il lavoro”. Come? A suon di bonus?

Commenti