Roma, terremoto all’alba: la scossa sveglia i cittadini

L’epicentro della scossa di magnitudo 3.3 a 5 km da Fonte Nuova. Sisma avvertito in tutta la Capitale. Non ci sarebbero danni a cose o persone

Roma si è svegliata alle prime luci dell’alba avvolta da un boato fragoroso seguito da una forte scossa di terremoto di magnitudo 3.3. L’epicentro è avvenuto a 5 chilometri, in direzione sud-ovest, da Fonte Nuova, a nord-est della capitale, praticamente all’altezza dell’uscita 11 del Raccordo anulare, con profondità di 10 km. Alle 5.03 la terra ha cominciato a tremare sotto la Capitale, svegliando migliaia di persone, molte delle quali si sono riversate nelle strade cittadine. In pochi minuti i social e la sala operativa dell’Ingv, l’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, sono stati inondati di segnalazioni. Il terremoto è stato avvertito in tutta Roma, dal centro al sud, ai Castelli Romani. Non solo a Tivoli e Guidonia, due comuni molto vicini all’epicentro. Per il momento non sarebbero stati segnalati danni a cose o persone, solo una gran paura per tutta la popolazione.

Gente riversata in strada

Tanti utenti di Facebook e Twitter hanno raccontato che per qualche secondo letti e divani si sono mossi. Un ringraziamento a Twitter è arrivato da Alessia Marcuzzi che, spaventatissima, si è resa conto di cosa stava accadendo grazie alle persone che raccontavano tutto in tempo reale. La scossa è stata sentita talmente forte da far rovesciare i romani in strada, abbandonando le proprie abitazioni e chiamando con i cellulari le forze dell’ordine. Molta gente è scesa dai palazzi su via Appia e nelle vie limitrofe nonostante la pioggia battente. Tanta la paura anche in zona Boccea. Solo un’ora prima Roma era stata investita da un violento temporale con tuoni e fulmini. In seguito ai rilievi effettuati dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, i Comuni compresi entro 20 km dall'epicentro del terremoto di questa mattina sono Fonte Nuova (a 5 km), Mentana (9), Monterotondo (10), Roma (11), Guidonia (13), Sant'Angelo Romano (14), Riano (15), Ciampino (18), Tivoli (18), Castelnuovo di Porto (19), Sacrofano (19), Palombara Sabina (19), Frascati (20), Formello (20) e Capena (20).

Scossa non fortissima che ha però creato panico

Intervenuto su RaiNews24, Pierfrancesco De Milito, capo ufficio stampa della Protezione Civile, ha spiegato che non si è trattato “di una forte scossa di terremoto, questa è una magnitudo frequente nel nostro paese. Scosse come queste di magnitudo 3.3 ne registriamo centinaia se non migliaia durante l'anno. La scossa che è stata avvertita a Roma ha svegliato molte persone ma non ha generato danni nei Comuni di Fonte Nuova, Mentana e Monterotondo che sono i comuni più prossimi alla zona epicentrale”. A fargli eco Alessandro Amato, sismologo Ingv, che ha sottolineato che è stato “un piccolo terremoto che si è verificato in una zona che dal punto di vista sismico, conosciamo poco. Abbiamo capito che era poca cosa dal fatto che è stato breve, fra i sei e i dieci secondi al massimo. Di terremoti di questo tipo, in Italia ne abbiamo tantissimi”. Decisamente diversa la reazione delle persone che hanno avvertito la scossa e che non sono vulcanologi. Il primo cittadino di Fonte Nuova, Piero Presutti, ha raccontato all’Adnkronos che "La scossa si è sentita molto, si è sentito anche il boato tipico del terremoto. Molta gente qui è sensibile perché originaria di Amatrice o di zone vicine, c'è stato spavento e molti sono scesi in strada". Adesso però la situazione sembra tornata tranquilla.

Segui già la pagina di Roma de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Beaufou

Lun, 11/05/2020 - 11:24

Ospio! Che aspettiamo a nominare Arcuri come commissario al terremoto di Roma? Forse sarebbe la volta buona che ci liberiamo in un colpo solo dei nullafacenti romani di ogni tipo, politici, CSM, pretaglia...Ahahahahah.

Santorredisantarosa

Lun, 11/05/2020 - 11:28

MA CHE CE FREGA SE C'E' ER TERREMOTO C'E' ER VINO DE LI CASTELLI. HO APPENA TELEFONATO AD UN MIO AMICO A ROMA E MI HA DETTO, ABITUATO LUI, PAURA NON HA AVUTO LA MOGLIE STRANIERA UNA GRAN FIFA O PAURA. LEGGERO TERREMOTO

cgf

Lun, 11/05/2020 - 13:35

Anche a Parma c'è stato uno sciame sismico recentemente, IDEM in Calabria, ma nessuna notizia. Allora diciamocelo che Roma è soggetta a ciclici terremoti di forte intensità. La parte del Colosseo mancante ha un suo perché. Il problema non è se, ma quando ed il quando è proprio in questo decennio, massimo il prossimo.