Quei chiodi arrugginiti nella spiaggia di Ostia

Trovati dei chiodi arrugginiti nascosti nella sabbia. Erano posizionati verticalmente, con il chiaro intento di fare male

La sindaca Virginia Raggi ha denunciato su Facebook un grave episodio avvenuto sulla spiaggia libera della zona est di Ostia.

La denuncia della sindaca Raggi

“Li hanno messi verticalmente, a distanza di 10 centimetri, tra le palme che abbiamo installato per il distanziamento sociale. Sembra proprio che siano stati disposti in questo modo appositamente affinché qualcuno li calpestasse e si facesse male. 0 forse questi vandali volevano far credere ai cittadini che le spiagge di Ostia non sono pulite e sicure? Pensate che oltre ai chiodi abbiamo trovato anche diversi pezzi di bottiglie di vetro rotte”. Un pericolo per tutti i frequentatori della spiaggia, grandi e piccini.

Secondo quanto raccontato da chi li ha trovati, i chiodi erano stati messi proprio nel corridoio di sabbia che divide una postazione e l'altra, ripensate per il distanziamento sociale necessario anche in spiaggia. Era dunque praticamente impossibile non camminarci sopra, correndo il rischio di farsi male davvero. La prima cittadina ha definito il gesto una vergogna, un vero e proprio atto criminale nei confronti dei bagnanti, e dei tantissimi bambini che giocano con la sabbia. Ovviamente l’increscioso episodio è stato anche denunciato alle forze dell’ordine, con la speranza da parte della Raggi che la polizia riesca a individuare i responsabili e ad assicurarli alla giustizia.

La spiaggia era stata ripulita da poco

La Raggi ha poi aggiunto che “la pulizia delle spiagge sul litorale romano avviene regolarmente. La spiaggia in questione era stata ripulita qualche giorno fa con l'erpice, uno strumento che scava in profondità di 20 centimetri. Se quei chiodi fossero stati già lì, sarebbero stati rimossi. A quanto pare a questi vandali non bastavano le palme distrutte e buttate giù, non bastavano i bagni distrutti, i cassonetti incendiati, gli attrezzi per il salvataggio rubati e il magazzino dei bagnini vandalizzato”. Virginia Raggi è sicura che la legalità dia fastidio a qualcuno e ha spiegato che ora, per colpa di questi vandali, la spiaggia dovrà rimanere chiusa per due giorni. E proprio sabato e domenica. In questo modo gli operatori potranno bonificare e controllare l’intera area. La Raggi ha anche affermato di non voler arretrare neanche di un centimetro, perché i cittadini meritano una città sicura e decorosa.

Come riportato da Il Tempo, a Fregene, durante alcuni controlli fatti dal commissariato di Fiumicino al fine di garantire il rispetto delle regole da parte dei locali sul lungomare, è stata disposta l'immediata chiusura di un’attività dello stabilimento balneare “La vela”, dove venivano venduti alimenti. Una volta arrivati sul posto anche gli specialisti della Asl, sono state accertate molte irregolarità amministrative. Gravissime le carenze igienico sanitarie conclamate che hanno portato a diverse migliaia di euro di multa e alla chiusura dell’attività.

Segui già la pagina di Roma de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Dom, 21/06/2020 - 11:15

Virginia cerca visibilità? mai pensato solo per un attimo che potrebbero essere arrivati dal mare, arrugginiti come sono dalla salsedine? nb sono stati trovati in spiaggia, mica sulle dolomiti.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 21/06/2020 - 11:38

cgf: “Li hanno messi verticalmente, a distanza di 10 centimetri, tra le palme che abbiamo installato per il distanziamento sociale". Ma li leggi gli articoli?

bruco52

Dom, 21/06/2020 - 13:04

la spiaggia libera è completamente gratuita, quindi attira sempre molta gente ed è chiaro che c'è l'intento di farla apparire sporca, pericolosa, per far si che si vada negli stabilimenti privati, che non sono alla portata di tutte le tasche....

dallebandenere

Dom, 21/06/2020 - 13:19

Brava Virgy,la prossima volta spiegalo ben bene,magari con disegnini e slides.Così qualche ixxxxxxxe che ancora non sa come passare il tempo,avrà qualcosa da fare...

obiettore

Dom, 21/06/2020 - 15:06

Successo in Calabria anni fa su una spiaggia libera calabrese. Però si trattava di cocci di vetro, e si parla di 35 anni fa.

investigator13

Dom, 21/06/2020 - 16:08

cmq dovesse capitare di vedere un chiodo arrugginito in spiaggia o più semplicemente in terra raccoglietelo, esprimete un desiderio prendetevelo con voi,vi porterà fortuna.

gianf54

Dom, 21/06/2020 - 16:17

Se qualcuno ha dato fuoco a delle pedane di legno, ecco come ci sono finiti tutti questi chiodi, probabilmente si è trattato di colpevole negligenza, non necessariamente di un attentato alla salute pubblica...; In realtà, la Raggi cerca visibilità, e un pò di vittimismo non guasta!

cgf

Lun, 22/06/2020 - 12:22

@Dreamer_66 A) non sempre gli articoli rimangono "statici" B)i chiodi non erano piantati in assi verso l'alto C) RIPETO così arrugginiti da salsedine è un pezzo che "respirano" salsedine, hanno trovato i chiodi ed hanno pensato di trarne vantaggio. Indipendentemente che non riesca a dimostrare il punto A) non cambio idea