Ronaldinho «Il mio futuro? Neanch’io lo conosco. Ma qui sono felice»

Dopo aver lasciato tutti a bocca aperta sul suo prossimo futuro in rossonero, Ronaldinho - nonostante Galliani non perda occasione per definire l’asso brasiliano una pedina incedibile e fondamentale per il Milan che verrà - continua a mantenere il Milan e i tifosi rossoneri sul chi va là. «Il mio futuro? - ha osservato ai microfoni di Radio Montecarlo -: neanche io lo so. In Italia sono molto felice e ho vissuto due anni bellissimi, in cui la gente mi ha dato tanto. Non so cosa succederà tra qualche anno, voglio realizzare ancora una volta i miei sogni». Mondiali esclusi: «Tiferò Brasile - ha spiegato il brasiliano snobbato dal ct Dunga che ha preferito non convocarlo per il Sudafrica a dispetto di una buona stagione con la maglia rossonera - ma non li guarderò in tv perché a me piace giocare e non stare a guardare».
Un cenno anche a Leonardo e alla rosa dei «papabili» tecnici che potrebbero sedersi sulla panchina del Milan. «Leonardo - ha spiegato di Radio Montecarlo - è un amico, lo rispetto molto come tecnico. C’è qualcosa di speciale in lui perché ha giocato tanti anni e sa come si tratta un calciatore. Tassotti e Filippo Galli? Conoscono bene il Milan, sono qui da tanto tempo e se arriva per loro questa opportunità hanno tutto per fare bene».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti