Virus e sistema immunitario: perché si può guarire da soli

Ricercatori australiani hanno dimostrato che, anche se il Covid-19 è causato da un nuovo virus, una persona sana può riuscire a guarire spontaneamente grazie alle difese immunitarie del proprio organismo. Nessuna certezza sull'eventuale immunità da ricaduta

Piccole speranze crescono. Un altro passo in avanti verso lo sviluppo di un vaccino e trattamenti per combattere il Coronavirus è stato fatto da alcuni scienziati australiani che hanno osservato le capacità dell'organismo di combattere il virus e guarire dall'infezione.

Come riporta Repubblica.it, i ricercatori del Peter Doherty Institute for Infezione e Immunità di Melbourne hanno mappato le risposte immunitarie di uno dei primi nuovi positivi da Covid-19 in Australia, mostrando la capacità del corpo di combattere il virus e guarire dall'infezione. Ed i risultati sono stati molto buoni.

Le 4 fasi

La ricerca, pubblicata sulla rivista specializzata Nature Medicine, riporta in maniera dettagliata le varie fasi della risposta del sistema immunitaro della paziente, una donna sui 40 anni tornata da Wuhan con sintomi come letargia, mal di gola, tosse secca e febbre, da cui i medici avevano prelevato e testato campioni di sangue in quattro diversi tempi prima e dopo la guarigione.

Guarigione spontanea

"Dopo tre giorni - scrivono i ricercatori - abbiamo individuato l'emergenza di una forte popolazione di cellule immunitarie, un segnale di recupero già individuato durante l'infezione influenzale stagionale. Abbiamo, quindi, previsto che la paziente fosse in via di guarigione e così è stato".

In pratica, in soggetti sani, il virus ha spesso la peggio come già accaduto con la guarigione di migliaia di persone in Italia e nel mondo. "Abbiamo dimostrato che anche se il Covid-19 è causato da un nuovo virus, in una persona altrimenti sana una risposta immunitaria robusta associata al recupero clinico, simile a quanto abbiamo osservato nella comune influenza", hanno affermato gli studiosi.

Le stime attuali mostrano che oltre l'80% dei casi di Coronavirus sono da lievi a moderati e capire la risposta immunitaria, nelle situazioni più leggere, è molto importante. "Questo è un incredibile passo avanti nella comprensione di ciò che guida il recupero dalla malattia - ha dichiarato uno dei ricercatori -le persone possono usare i nostri metodi per comprendere le risposte immunitarie nella maggior parte dei contagi da Covid-19 ma, anche, capire cosa manca a coloro che hanno esiti fatali".

Nessuna certezza sulle "ricadute"

È ancora presto per dire se, una volta contratto il Covid-19, ci sia o meno l'immunità da un'ulteriore ricaduta. "Sappiamo che possiamo generare risposte immunitarie al virus - dicono i ricercatori - la prossima questione sarà capire se la risposta immunitaria conferisce immunità e per quanto tempo. Speriamo, adesso, di espandere lo studio a livello nazionale e internazionale per capire perché alcune persone muoiono per Covid-19 e altre no, e per sviluppare risposte rapide anche a futuri virus emergenti", concludono gli studiosi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Una-mattina-mi-...

Gio, 19/03/2020 - 16:54

LA GUARIGIONE SPONTANEA non crea business: credo non sarà gettonata dalla cricca boiarda...

ruggerobarretti

Gio, 19/03/2020 - 17:24

C' era bisogno degli Aussie, il Prof. Tarro e non solo lui in Italia, lo va ripetendo da un bel po.

Ritratto di filospinato

filospinato

Gio, 19/03/2020 - 17:36

Tra qualche mese non escludo che uno studio dimostri un aumento della suscettibilità di contagio da covid19 correlato ad una inidionea stimolazione del sistema immunitario come effetto di segregazione coatta in luoghi chiusi tali da provocare privazione di sole (vit.D) aria (O2) e molecole della felicità. cucu

Ritratto di allergica_alle_zecche

allergica_alle_...

Gio, 19/03/2020 - 18:44

sono d' accordo con @filospinato. Si deve uscire e camminare DA SOLI e almeno chi può deve stare all' aria anche in balcone. A Roma è primavera, è pieno di campi aperti, la gente ci va e i contagi sono bassi: probabilmente si infettano i familiari dei poveretti costretti a lavorare col pubblico: medici, farmacisti, infermieri, vigili, commessi ed altre categorie, oltre a quelli che si spostano in treno/metro per lavoro. Invece i tonti colpevolizzano la passeggiata attorno al quartiere...

Vostradamus

Gio, 19/03/2020 - 19:04

L'importante è che la guarigione non sviluppi razzismo nei confronti del virus. Il nazifasciolegamarzianismo è alle porte.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 19/03/2020 - 19:38

@Vostradamus - forse hai confuso con i lcomunismo. Comunque comme nto becero. Parla d'altro.

AlvinS83

Gio, 19/03/2020 - 19:55

@vostradamus Vergognati.torna nei cemtri sociali e non uscire più nemmeno dopo l'emergenza