Galliani: "Il mio pensiero al Monza anche quando rischiavo la vita"

Adriano Galliani ha incontrato una delegazione di tifosi per fare il punto sulla squadra: "Non poteva essere la malattia a farmi passare l’amore per la squadra, vogliamo la Serie A"

Galliani: "Il mio pensiero al Monza anche quando rischiavo la vita"

Adriano Galliani se l'è vista davvero brutta con il Covid ma ora che ha vinto la sua battaglia si potrà concentrare a pieno sul Monza. "Non poteva essere la malattia a farmi passare l’amore per la squadra. Vi giuro che anche quando i medici mi hanno detto che rischiavo la vita il mio pensiero era sempre il Monza. Sarò pazzo, ma il mio pensiero principale continuava ad essere il Monza. Sono nato così, non dico che morirò perché adesso è di cattivo gusto, ma andrò avanti così", il commento dell'amministratore delegato del club biancorosso direttamente da Monzello.

Obiettivo Serie A

Il Monza occupa attualmente il quarto posto in Serie B a quota 52 punti a meno due dalla Salernitana terza, a meno quattro dal Lecce secondo e ormai distante dieci punti dall'Empoli capolista. Tutto è ancora possibile per la promozione diretta in Serie A anche se la squadra dovrà assicurarsi di chiedere almeno al secondo posto per evitare di disputare gli insidiosi e difficili playoff.

La brutta involuzione dell'ultimo periodo della squadra di Cristian Brocchi non spaventa l'ad biancorosso che ha suonato la carica: "Ho detto ai calciatori che non si devono attaccare agli infortuni, abbiamo 27 giocatori, tutti validi. Noi dobbiamo vincere queste partite e venire promossi, questo ci siamo ripromessi alla prima giornata e questo dobbiamo fare".

"Due giornate fa, alle 27esima, vuol dire il 70% delle partite, il Monza era secondo e mrciavamo a una media di due punti e non può di colpo passare a un punto nelle ultime 5 giornate. Dobbiamo continuare a crederci", il commento di Galliani che ha poi proseguito facendo gli elogi al presidente Silvio Berlusconi grande artefice di questo miracolo Monza: "Abbiamo creato questa squadra investendo una montagna di soldi e faremo di tutto per tornare in Serie A. E di questo dovete ringraziare Silvio Berlusconi".

Galliani è dunque tornato fisicamente a Monzello dopo la brutta esperienza del covid ma non seguirà la squadra nella trasferta di Ascoli: "Mi spiace di non poter seguire la squadra ad Ascoli, ma contro la Salernitana ci sarò", la promessa dell'ex amministratore delegato del Milan che ha poi concluso con una speranza: "Speriamo che prima o poi si riapra uno stadio, ma non è l’assenza dallo stadio o l’essere in ospedale a farmi passare l’amore e l’affetto per il Monza. Il presidente Berlusconi e io stiamo facendo tutto il possibile. Sperèm".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti