Ridere è un vero toccasana per la nostra vita

Autostima, lavoro e buonumore miglioreranno grazie a una sana risata

Ridere fa bene alla nostra vita. E’ stato dimostrato da un gruppo di studiosi che una sana risata migliora la qualità della nostra vita. E può anche aiutare a dimagrire. Lo scienziato Lee Berk asserisce che ridere sviluppa la frequenza gamma dell’encefalo con la conseguente produzione di onde capaci di sincronizzare il lavoro dei neuroni e migliorare la memoria. Lo studio condotto dall’Università di Oxford assicura che ridere almeno 15 minuti insieme ad altre persone può arrivare a distrarci, fino ad aumentare del 10% la soglia del dolore. Anche una ricerca della Western Kentucky University è totalmente favorevole alla risata. In questo caso sarebbe dimostrato che aumenterebbe il numero delle cellule killer, adibite a difendere il nostro sistema immunitario. E se questo non dovesse bastare per strapparvi una risata, tenete conto che 10-15 minuti di puro divertimento permettono di bruciare circa 50 calorie. Anche i vasi sanguigni ne traggono beneficio diventando più elastici rispetto a chi non ride mai. Secondo Marina Osnaghi, prima Master Certified Coach in Italia, “Il sorriso rappresenta una porta aperta alla relazione e al benessere. Se nasce spontaneo, facilita la disponibilità interiore di chi sorride e quella dell’interlocutore che lo riceve. Il corpo e il cervello ricevono l’energia trasmessa attraverso un sorriso”.

Passare dal sorriso alla risata vera e propria permetterebbe anche di rilassarci fisicamente e mentalmente, aiutandoci a trovare più facilmente le soluzioni ai problemi che ci affliggono. Se riusciamo a organizzare la nostra vita privata e lavorativa, il sorriso comparirà spontaneo sul nostro viso. Questa tesi è stata dimostrata anche dall’equipe della St. Edwards University di Austin, in Texas, che ha studiato 2500 impiegati, scoprendo che l’81% sarebbe più produttivo se inserito in un ambito lavorativo allegro. Ridere riduce anche gli ormoni responsabili dello stress: il cortisolo diminuirebbe del 39%, la dopamina del 38% e l’epinefrina ben del 70%. Per contro, le beta endorfine che alleviano la depressione aumenterebbero del 27%. Il professor Robert R. Provine, scienziato e docente alla University of Maryland, è arrivato a dimostrare come un sorriso possa contagiare anche le persone intorno. Esisterebbe un certo legame tra il ridere e la capacità di interagire con altri individui. Conviene quindi ridere, mal che vada ci saremo divertiti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Mario Mauro

Dom, 28/10/2018 - 23:30

Il problema non è farsi delle belle risate, ma trovare il modo di farsi passare non dico la voglia di piangere guardandosi intorno, ma almeno una parte di malumore.