Tumore al seno: più protezione con l'allattamento

L’allattamento materno riduce il rischio di sviluppare il tumore alla mammella del 45%, oltre ad avere una serie di risvolti positivi e benefici anche per il nascituro

Oltre che sottoponendosi ai controlli periodici e seguendo corretti stili di vita, c’è anche un altro modo per ridurre il rischio di sviluppare il tumore alla mammella: allattare il proprio figlio al seno.

L’allattamento è un gesto che ha effetti postivi non soltanto sul neonato, ma anche sulla mamma. Nello specifico, nelle donne che allattano al seno il rischio di sviluppare un tumore alla mammella diminuisce del 4,3% per ogni anno in cui si porta avanti questa pratica.

Inoltre, in chi è predisposta alla malattia geneticamente per via della mutazione del gene Brca1 (il cosiddetto “gene Jolie”, visto che anche l’attrice Angelina Jolie ha ereditato tale mutazione) l’allattamento al seno fa calare le probabilità di sviluppo di questo tumore del 45%, percentuale che sale al 59% se si hanno parenti stretti con tale patologia.

Effetti benefici dell'allattamento materno

La riduzione del rischio di tumore al seno conseguente all’allattamento è dovuta al fatto che, solo quando allatta, la ghiandola mammaria giunge alla sua completa maturazione e così diventa più resistente alle mutazioni che possono causare tale tumore. Inoltre, quando si allatta si riduce la produzione di estrogeni, fattore che protegge dal carcinoma mammario. Perché l’allattamento al seno protegga effettivamente dal tumore alla mammella è però fondamentale seguire uno stile di vita sano, rinunciando al fumo, limitando il consumo di alcolici e svolgendo attività fisica regolarmente.

Oltre che proteggere dal tumore alla mammella, l’allattamento al seno abbassa anche il rischio di comparsa di osteoporosi in età avanzata, la possibilità di sviluppare diabete di tipo 2 e di soffrire di depressione post partum. Inoltre, determinando un maggior consumo energetico, permette alle neomamme di tornare in forma velocemente. E non è tutto, perché questa pratica rinforza il legame fra la mamma e il bambino.

Allattamento al seno, la posizione è importante

Tuttavia, non è sempre tutta rose e fiori. Soprattutto all’inizio, a causa di scorrette posizioni in cui può essere tenuto il neonato o di un attacco errato della bocca del piccolo, possono verificarsi dei problemi.

«In questi casi, la neomamma può avvertire dolore e può comparire un arrossamento a livello di areola e capezzolo. È anche possibile che si formino dolorose ragadi al seno e, nel corso del tempo, le condizioni possono peggiorare, con la comparsa di ingorghi mammari, che possono evolvere in mastiti. Tutti questi disturbi non devono essere considerati come fisiologici ed è necessario intervenire per migliorare la situazione. Il rischio, altrimenti, è che la mamma smetta di allattare al seno», spiega la dottoressa Raffaella Aliperti, consulente per l’allattamento e sostegno al post partum del Centro di Aiuto alla Vita della Clinica Mangiagalli di Milano.

Innanzitutto, è fondamentale che la neomamma, rivolgendosi a consultori o a strutture simili, impari a tenere il bambino in una posizione corretta mentre lo allatta. Inoltre, per non sollecitare sempre la stessa area del capezzolo, si dovrebbe provare ad allattare in varie posizioni. Al tempo stesso, utile è lavorare sulla tecnica di attacco del bambino al seno, correggendo la modalità di suzione, che immediatamente diventerà meno dolorosa.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Santorredisantarosa

Ven, 06/11/2020 - 11:40

MIO NONNO MATERNO ALLATTATO DALLA MADRE CLASSE 1894 MORTO DI CANCRO, IL FIGLIO ALLATTATO DALLA MADRE CLASSE 1924 MORTO DI CANCRO, COSI' SORELLA ALLATTATA DALLA MADRE MORTA DI CANCRO. TANTISSIME PERSONE CONOSCENTI ED ALTRI VENUTI A CONOSCENZA DELLA MORTE TUTTI ALLATTATI DALLE LORO MADRI, MORTI DI CANCRO. COME VEDETE PRIMA DI SCRIVERE INFORMATEVI.

Tobi

Ven, 06/11/2020 - 13:55

Santorredisantarosa, ma è sicuro che il cancro ai suoi parenti è stato causato dall'allattamento? Se così fosse, allora i vari miliardi di persone nelle generazioni precedenti l'allattamento artificiale sarebbero morte di tumore. Ma forse lei è un giochetellone che lavora per conto di qualche produttore di latte artificiale.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 07/11/2020 - 17:05

X Santorredisantarosa 11.40: ma sei certo di aver letto bene l'articolo? Guarda che il succo dell'articolo si riferisce alle "madri che allattano" a rischio ridotto di contrarre il cancro, non mi risulta che tutti io tuoi parenti, maschi, morti di cancro abbiano mai allattato al seno... comprendo il non leggere bene e non capire, ma sproloquiare in seguito parlando a vanvera è troppo.