Scuola, il cdm approva la norma "salva precari"

La legge, che sarà inserita nel decreto legge Ronchi (su questioni ambientali), è stata approvata oggi dal consiglio dei ministri. Interessa 12-13mila docenti che fino allo scorso anno hanno avuto supplenze annuali: sussidi di disoccupazione e ssupplenze brevi

Scuola, il cdm approva la norma "salva precari"

Roma - Salvi i precari della scuola. Il consiglio dei ministri ha approvato oggi una norma che consente di tutelare gli insegnanti precari. La norma verrà inserita nel decreto legge Ronchi (su questioni ambientali) e interesserà una platea di 12-13 mila docenti che fino allo scorso anno hanno avuto supplenze annuali. Per loro sono previste indennità di disoccupazione e supplenze brevi. Secondo la norma (inserita nel decreto Ronchi e quindi in vigore appena pubblicata in Gazzetta ufficiale) i precari avranno un "accesso preferenziale" a supplenze brevi e progetti scolastici speciali (sostegno agli studenti in difficoltà, lotta alla dispersione scolastica) e potranno essere inseriti in iniziative integrative organizzate dalle singole Regioni.

La Gelmini: "Impegno rispettato" Secondo il ministro Gelmini con la norma "salva precari" "abbiamo mantenuto un impegno preciso e importante, che anche i sindacati aspettavano con ansia. Ora procederemo anche con gli accordi con le singole Regioni. È un risultato significativo, frutto dell’impegno di tutti. Adesso inzierà l’iter parlamentare, ma c’è forte sollievo e - ha sottolineato - questo è un punto di orgoglio per il governo". La Gelmini ha infine spiegato che la norma "vale solo per quest’anno scolastico, perché per il prossimo pensiamo che il problema non ci sarà".