La serata del Pd per i giovani "Si parla del Sì e dei 500 euro"

La serata del  Pd per i giovani "Si parla del Sì e dei 500 euro"

L'ultima spiaggia nella politica delle mance. «Indegno», «vergognoso», «disperato». Il fronte del No non risparmia gli aggettivi per stigmatizzare l'evento del Partito democratico, che nel Lecchese ha invitato (nella foto) gli elettori più giovani a parlare (domani)delle ragioni del «sì» e del bonus da 500 euro «previsto dal governo Renzi per i nati nell'anno 1998».

Scandalizzato il segretario della Lega Lombarda Paolo Grimoldi: «È vergognoso - dice - che il Pd, attraverso i comitati territoriali per il Si, utilizzi il bonus cultura per i nati nel 1998, finanziato con i soldi dei contribuenti, per comprarsi il Si al referendum dei 18enni». «Questo - prosegue - è un modo indegno per comprarsi il Si dei 570mila 18enni che intascheranno questo bonus, un modo indecente pagato quasi 300 milioni dai cittadini. Renzi in quanto segretario nazionale del Pd non ha nulla da commentare?». E chiamano direttamente in causa il Pd anche gli esponenti del Movimento 5 Stelle: «Venghino, signori venghino al Comitato del sì di Molteno, Sirone e Garbagnate Monastero - ironizzano i senatori del Movimento 5 stelle Luigi Gaetti e Vito Crimi - spiegheremo ai neo diciottenni ma solo a loro come votare Sì e al tempo stesso prendere il bonus cultura di 500 euro», «non ci sono altre parole per commentare la disperata e truffaldina propaganda renziana che è al limite tra il voto di scambio e l'inganno del Gatto e la Volpe di Pinocchio» .

Commenti