Silvio e Bossi indignati «Manovre incredibili»

Non ci sta Silvio Berlusconi: per il premier la sentenza del Tar sui ricorsi all’elezione di Roberto Cota a presidente del Piemonte è la dimostrazione «che il governatore sta lavorando bene». Nella nota rilasciata nella serata di ieri il Cavaliere sottolinea quindi che «evidentemente, a qualcuno va di traverso che abbia vinto le elezioni». «Con questa manovra - fa eco poco dopo il leader della Lega Umberto Bossi - vogliono rimettere in sella la Bresso. Un tentativo che ha dell’incredibile». Che l’ex zarina del Pd alla fine torni davvero a capo della Regione Piemonte è presto per dirlo. Ora come ora è tutta una questione di numeri.
Numeri come 15mila, le schede che dovranno essere ricontrollate; 9mila, i voti di scarto con cui Cota lo scorso marzo conquistò la presidenza; trenta, i giorni che occorreranno per ricontrollare le schede elettorali che si aggiudicarono le liste «Al Centro con Scanderebech» (oltre 12mila voti) e «Consumatori» (quasi 3mila voti). Sui voti ottenuti da queste due formazioni si gioca tutta la partita: perché se da un lato le due liste sono state ritenute non valide, dall’altro i giudici hanno decretato che se in quelle schede gli elettori hanno espresso una preferenza per Cota, quella vada comunque salvata. La questione, perciò, riguarda il numero di elettori di Scanderebech e dei consumatori che oltre a fare una croce sulla lista hanno segnato anche la casella di Cota: se sono più di 9mila quelli che non lo hanno fatto, l’elezione del primo governatore piemontese del Carroccio potrebbe essere annullata.
In attesa della seconda udienza, il 7 ottobre (un altro ricorso sarà poi discusso a novembre), arriva a una prima conclusione la battaglia che la Bresso ha scatenato contro Cota fin dall’indomani dello spoglio. Il centrodestra tutto, intanto, fa quadrato attorno a Cota, mentre la sinistra, dopo i primi festeggiamenti, è già riuscita a dividersi: se da un lato la Bresso parla da futura presidente - il sottosegretario alla Difesa Crosetto ha denunciato che la sentenza rischia di riconsegnare la Regione alla sinistra senza passare dal voto - c’è già chi nel Pd pensa a come far fuori l’ex zarina e rimpiazzarla col sindaco di Torino Sergio Chiamparino.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.