Sinistra giurassica

Facendo il tifo per Sarkozy non mi ero mai dedicato troppo a Ségolène Royal e soltanto domenica ho seguito questa candidata in vestitino bianco da domenica in campagna per capire che cosa ha da dire, rappresentando l’intera sinistra francese. Risposta: quasi niente. Vaghezze: un pochino di sociale e nulla di socialista

Facendo il tifo per Sarkozy non mi ero mai dedicato troppo a Ségolène Royal e soltanto domenica ho seguito questa candidata in vestitino bianco da domenica in campagna per capire che cosa ha da dire, rappresentando l’intera sinistra francese. Risposta: quasi niente. Vaghezze: un pochino di sociale e nulla di socialista, fa il tifo affinché le aziende producano per render felici anche gli operai. Ma che fine ha fatto il durissimo Partito Comunista Francese che fu di Sartre e dei duri dalla parte dell’Armata Rossa? Del Pcf, ormai, solo tracce, come l’albumina. Lo guida una signora con i capelli a zazzera che dal suo due per cento scarso chiama pateticamente le masse a votare «contro Sarkozy» cioè per Ségolène e il suo vestitino da signorina di provincia. Dove sono gli eredi di Thorez e di Duclos? Sepolti nell’oblio.
Questo accade in Francia, la madre dei lumi, della rivoluzione, e per secoli regina della cultura. Guardiamo ora la sinistra italiana. Una parte tenta di unificarsi lamentandosi e lacrimando come Polifemo accecato da Ulisse. Nell’altra si stringono due partiti comunisti e mezzo (il correntone) per opporsi alla sinistra che ora ha appeso sulla porta la nuova etichetta di Partito democratico, avendo esaurito le vecchie. Orgogliosi e accigliati, i riformisti della Margherita sono altrove. Nella nuova babele delle sinistre, persino Silvio Berlusconi non è più vissuto come il «grand villain» della caccia alle streghe e a Firenze il Cavaliere ricordava il Giusti del «Qui se non fuggo abbraccio un caporale».
La sinistra italiana tutta, radicale o ragionevole, appare dunque confusa e scomponendosi e ricomponendosi senza trovare la strada occidentale e moderna delle altre sinistre europee. Affogata nelle proprie lacrime, non ha saputo emendarsi dal peccato originale e d’orgoglio di essere solo la nuova versione scaricabile via Internet del Partito comunista, che non seppe mai guadare il guado. Non basta infatti proclamarsi riformisti, perché la riva riformista non è più la «rive gauche» della nostalgia, ma la sua negazione drammatica. I comunisti tedeschi hanno a suo tempo rinnegato il passato a Bad Godesberg e oggi i socialdemocratici preferiscono perdere le elezioni piuttosto che accordarsi con Lafontaine, che sarebbe il loro Mussi e non il loro Diliberto. Il panorama europeo parla chiaro: i francesi hanno lasciato estinguere la loro sinistra giurassica di cui conservano qualche patetica testimonianza; la sinistra marxista spagnola dopo la dittatura cambiò pelle per sempre; in Gran Bretagna il Labour Party sindacalista di Harold Wilson dovette piegarsi alla rivoluzione copernicana di Tony Blair: tutti hanno girato pagina seguendo la storia, pagando pedaggi duri. L’Italia è rimasta sola con questa disgrazia delle due sinistre: l’una che si dice riformista ma non sa progettare riforme e l’altra più amica di Al Qaida che degli americani. Ciò spiega perché entrambe non siano in grado di governare un Paese che ha un immediato e drammatico bisogno di modernità liberale, come capiranno se Sarkozy vincerà, facendo mancare alla sinistra italiana l’appoggio che ha goduto attraverso la spregiudicata alleanza con la destra di Chirac.
www.paologuzzanti.it

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti