Snai, scommesse a tutto campo E Internet diventa protagonista

È arrivata la scommessa griffe o «modello sartoriale». Volete avere l’ippodromo in salotto e sentirvi dei gran «giocatori»? Oppure diventare protagonisti nei prossimi mondiali di calcio in Sud Africa, dove la Spagna vincente sarà pagata 5 volte la cifra scommessa? O, ancora, abbandonarvi alle emozioni - sempre da tenere a freno - del tavolo verde con i nuovi «skill games» online, con un paio di «mani» a poker o a briscola, senza dimenticare, volendo, il domino, il Backgammon o il Black jack? La scelta spazia in ogni dominio dello sport e non solo. Atletica leggera, baseball, basket, calcio, ciclismo, cinema, equitazione, football americano, Formula 1, golf, hockey, ippica (comprese Tris, Quartè, Quintè e V7), motomondiale, nuoto, pallamano, pallanuoto, rally, rugby, sci alpino, sci nordico, tennis, vela, volley. Sono compresi tutti i principali appuntamenti internazionali come Coppe del mondo, Campionati mondiali, Olimpiadi estive e invernali; tutte le coppe di calcio (Champions, Europa League, ecc.) e basket; tutti i tornei di tennis del Grande slam e dei circuiti Atp e Wta; i campionati americani Nba, Nfl, Mlb; l’America’s Cup di vela, il Sei Nazioni di rugby. A livello extra sportivo i principali eventi su cui scommettere sono il Festival di Sanremo e i reality show televisivi.
Protagonista di questa variegata offerta, che per gli appassionati può spaziare anche su chi vincerà le prossime elezioni politiche in Gran Bretagna, è la Snai, società quotata alla Borsa di Milano - principale operatore italiano nel mercato nazionale del «betting» - che proprio in questi giorni ha aperto le scommesse sui risultati delle prossime elezioni generali, in programma il prossimo 6 maggio 2010: le quote vedono ampiamente avvantaggiato il partito conservatore, attualmente all’opposizione e guidato da David Cameron, quotato 1,18, davanti al partito laburista di Gordon Brown, quotato 5,00.
«Snai ha costruito il proprio successo grazie al concetto di scommesse e giochi “tailor made” - spiega Maurizio Ughi, presidente e amministratore del gruppo Snai -; l’offerta presentata al pubblico è ampia e diversificata, in modo che ogni singolo giocatore possa ritagliarsi il suo gioco «su misura», in base alle proprie preferenze e alla propria competenza. Con Snai si può giocare su tutte le corse ippiche in programma negli ippodromi italiani e nei più importanti ippodromi esteri, su una vasta gamma di eventi sportivi, dalle new slot, ai concorsi a pronostico. Tutte le scommesse possono essere giocate anche via Internet (www.snai.it), e sempre sul web sono disponibili diversi giochi di abilità, come poker Texas Hold’em e Omaha, briscola, burraco, black jack, domino, e altri».
Nel 2009 il mercato italiano dei giochi e delle scommesse ha superato i 54,4 miliardi di euro, con un incremento del 14,4% rispetto al 2008: si tratta di circa 3,5 punti percentuali di Pil, in pratica la terza «industria» nazionale per fatturato. Le scommesse su ippica, sport ed eventi non sportivi, considerando anche le scommesse sportive a totalizzatore, hanno raggiunto un volume di gioco superiore ai 6 miliardi: la quota di mercato Snai, riferita a questo singolo settore, grazie a una raccolta gioco superiore ai 2,7 miliardi, corrisponde a circa il 41%. Considerando anche le «new slot», cui corrisponde una raccolta di oltre due miliardi di euro, e gli skill games, il gruppo raggiunge un giro d’affari pari a 4,74 miliardi di euro, per una quota di mercato del 9% circa ed è pronto ad espandersi anche su nuovi mercati come quello francese, recentemente in parte liberalizzato.
«Una grande novità del mercato dei giochi nel nostro Paese saranno le videolotteries - spiega Ughi -; si tratta di una sorta di evoluzione delle “new slot” che oggi troviamo in bar e tabaccherie. Le videolotteries - in Italia entro il 2010 - saranno connesse in rete, creando un network di macchine da gioco che consentirà di mettere in palio jackpot sino a 500mila euro». Altra importante iniziativa Snai è la campagna «Gioca per vincere», il brand per la prevenzione del gioco compulsivo. «Il significativo aumento dei giochi e delle scommesse autorizzati nel nostro Paese - aggiunge Ughi - ha richiesto un ruolo sempre più importante nella prevenzione degli aspetti compulsivi e del rischio di gioco patologico.
Snai ha quindi chiesto a Oliviero Toscani di realizzare un brand che inviti gli scommettitori a giocare per svago, per valorizzare quindi i concetti positivi legati al gioco».

Commenti