Sottoscrizione del Giornale per le famiglie delle vittime Raccolti già 90.000 euro

Nelle prime ore dall’inizio della sottoscrizione sono già arrivate migliaia di euro dagli amici del Giornale: oltre 90mila. Il nostro quotidiano ha lanciato la raccolta fondi per aiutare le famiglie orfane dei nostri militari caduti a Kabul. I sei parà della Folgore erano il caporalmaggiore Massimiliano Randino, il tenente Antonio Fortunato, il sergente maggiore Roberto Valente, il caporalmaggiore Davide Ricchiuto, il caporalmaggiore Matteo Mureddu e il caporalmaggiore Giandomenico Pistonami. Due di loro lasciano figli piccoli.
La sottoscrizione è partita immediatamente dopo la notizia dell’attacco. La Società europea di edizioni - l’editore del Giornale - ha donato 80mila euro. I lettori hanno iniziato ieri con i versamenti e i primi amici del quotidiano hanno aderito subito. Ecco i nomi: Vittorio Feltri 1.000 euro, Alessandro Sallusti 500 euro; Mario Cervi 500 euro, Gian Galeazzo Biazzi Vergani 500 euro; Andrea Favari 100; Luca Zuccoli 100 euro; Gianni di Giore 100 euro; Maurizio Gregotti 100 euro; Paolo Armaroli 300 euro; Giancarlo Lehner 500 euro; Giancarlo Perna 500 euro; Marcello Veneziani 500 euro; Enzino Meucci 1.000 euro; Fiamma Nirenstein 500 euro; Luca Doninelli 400 euro; Ida Magli 500 euro; Franco Battaglia 300 euro; Oscar Grazioli 300 euro; Renato Farina 500 euro; Massimiliano Parente 50 euro; Paolo Granzotto 400 euro; Carlo Lottieri 200 euro; Stefano Zecchi 400 euro; Livio Caputo 300 euro; Francesco Forte 500 euro; Vincenzo Vitale 100 euro; Stefano Lorenzetto 500 euro; Annamaria Bernardini de Pace 1.000 euro. Le salme giungeranno a Ciampino domani mattina e lunedì, a Roma, nella basilica di San Paolo fuori le Mura si terranno i funerali di Stato e lo stesso giorno sarà lutto nazionale, con un minuto di silenzio nelle scuole e negli uffici pubblici.