Amadeus: "Fiorello e Jovanotti a Sanremo 2020? Qualsiasi cosa mi farà piacere"

Amadeus svela qualche anticipazione sui possibili ospiti che vorrebbe al Festival di Sanremo 2020 e risponde alle ultime indiscrezioni su Chiara Ferragni all'Ariston

Amadeus: "Fiorello e Jovanotti a Sanremo 2020? Qualsiasi cosa mi farà piacere"

La 70esima edizione del Festival di Sanremo continua a destare curiosità e Amadeus, conduttore e direttore artistico della kermesse, ha lanciato qualche indizio su ciò che potrebbe accadere.

Modificato il regolamento e riportato in auge l’antica divisione tra Big e Nuove Proposte, Amadeus sta iniziando a pensare agli ospiti nazionali ed internazionali che potrebbero arricchire il suo Festival. Se nei tre anni di Claudio Baglioni al timone di Sanremo le special guest d’oltreoceano erano state completamente bandite, con la direzione artistica di Amadeus torneranno a fare capolino sulla riviera ligure. Tra i nomi che il conduttore Rai vorrebbe vedere c’è quello di Madonna.

Ne sarei felice – ha dichiarato ai microfoni della trasmissione radiofonica I Lunatici, lanciando un indizio sulla possibile presenza di due cari amici, Jovanotti e Fiorello - . Sono due fratelli, siamo cresciuti insieme, abbiamo vissuto insieme dei periodi bellissimi negli anni '80”. “Rosario mi ha detto che vuole esserci, conosco talmente bene entrambi che sanno che c'è una porta aperta e quando avranno piacere di esserci possono venire tranquillamente – ha continuato - . C'è una tale confidenza tra di noi che davvero la porta è aperta. So che ogni tanto Fiorello e Jovanotti si sentono in segreto, Lorenzo mi ha detto che Fiore lo chiama quasi tutti i giorni ma non ha voluto aggiungere altro. Qualsiasi cosa mi farà piacere”.

Infine, Amadeus ha provato a mettere a tacere le indiscrezioni secondo cui sul palco del Teatro Ariston potrebbe esserci Chiara Ferragni. “Le leggo e ci sorrido – ha aggiunto - . Non ho nulla contro le indiscrezioni. Una volta si tendeva a tenere qualsiasi cosa segreta e si pensava che le indiscrezioni disturbassero. Ma per me Sanremo è di tutti. Tutti dicono qualcosa del Festival, tutti possono giudicarlo, apprezzarlo o criticarlo. C'è un interesse talmente alto che è ovvio che girino indiscrezioni, consigli velati e cose del genere”.

Commenti