Salmo preso come (cattivo) esempio: altro mega concerto senza protezioni

L'esempio dell'evento di Salmo, che ha radunato migliaia di giovani in un concerto senza protezioni e distanziamento, è stato seguito solo poche ore dopo da un altro artista, il trapper Shiva

Salmo preso come (cattivo) esempio: altro mega concerto senza protezioni

Se quello di Salmo era stato proposto come un “evento a sorpresa”, migliaia di giovani hanno invece atteso il trapper Shiva, annunciato dalla discoteca Peter Pan di Riccione per un concerto le cui immagini sembrano essere quelle di un evento pre Covid. I timori, quindi, che l’esempio del concerto di Olbia di Salmo potesse essere replicato si sono rivelati fondati. Le nuove immagini stanno facendo discutere e continuano ad alimentare una polemica che non accenna a spegnersi sul rispetto delle regole.

Nei video condivisi sia dal trapper che dalle centinaia di persone presenti, si vede un'enorme folla di ragazzi che riempie il locale. I giovani si muovono e cantano senza mascherine e non rispettano il distanziamento sociale. Il club riminese è uno di quelli che ha aderito alla protesta #Liberidiballare nonostante il divieto da parte del governo di tenere aperte le discoteche.

Dallo scorso 5 luglio sul profilo Facebook della discoteca è fissato il post in cui si legge: “Da 17 mesi in Italia il ballo nei locali legali è vietato. In tutta Europa o si è già aperto con regole precise o si è già deciso quando farlo. L’illegalità diffusa è sotto gli occhi di tutti e la situazione nelle nostre città non è più gestibile. Il Comitato tecnico scientifico ha già approvato i protocolli per ripartire in sicurezza, ma il Governo non ha ancora dato risposte. Perché lasciare ballare nel pericolo illegale e nel disagio? Perché non ripartire subito in sicurezza? Seguici per sostenere la nostra battaglia, condividi con i tuoi amici per aiutarci a sconfiggere l’ipocrisia”. Queste le motivazioni a cui hanno aderito diversi locali in tutta Italia e che vedranno anche nei prossimi giorni esibirsi altri artisti molto amati dai giovani.

Le attuali direttive anti Covid imposte dal governo prevedono che i concerti dal vivo possano svolgersi solo all’aperto, con un massimo di 1000 persone, tutte con un posto a sedere assegnato. Non proprio come si vede dalle decine di video postate sia per l'evento di Salmo che per quello di Shiva.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti