Anna Falchi: "Mi manca il contatto fisico col mio fidanzato"

Ai microfoni della trasmissione radiofonica I Lunatici, Anna Falchi racconta la sua vita ai tempi del coronavirus e rivela cosa le manca di più durante l'isolamento: "Il contatto fisico col mio fidanzato"

Anna Falchi: "Mi manca il contatto fisico col mio fidanzato"

Ai microfoni della trasmissione I Lunatici di Rai Radio 2, Anna Falchi ha raccontato - con dovizia di particolari - le sue giornate al tempo dell'isolamento per l'emergenza coronavirus e ha rivelato cosa le manca di più in questo periodo, il contatto fisico col suo fidanzato, il parlamentare di Forza Italia Andrea Ruggieri.

L'attrice lamenta alcuni alti e bassi a livello umorale e si rammarica per la condizione dei bambini costretti a stare a casa, anche se ritiene la sua situazione particolarmente fortunata, potendo godere di un giardino condominiale in cui la figlia può fare movimento e dove ha addirittura imparato ad andare in bicicletta.

Nel complesso, la quarantena di Anna Falchi procede bene: "Mi sveglio abbastanza presto, mi alleno in casa, faccio un po' di cardio e poi faccio esercizi ogni giorno per una parte diversa del corpo. Mi piace anche cucinare [...] mi piace molto mettermi alla prova ai fornelli. Mi riesce bene". Nel pomeriggio, invece, la showgirl si dedica ad aiutare la figlia con le lezioni online anche se ammette di non avere la pazienza tipica di una maestra.

Anna Falchi riesce a trovare anche il tempo per passioni nuove o ritrovate. Oltre ad aver iniziato a fare yoga, la donna ha riscoperto un hobby che le era caro da bambina: "Mi sto dilettando con una cosa che non facevo dalla fanciullezza, ho una grande passione per le costruzioni. Stacchi la spina, mi metto lì ore ore e ore e faccio cose che poi non voglio neanche più smontare".

Nonostante tutte le limitazioni, la Falchi trova che questa quarantena abbia anche degli effetti positivi sul mondo che ci circonda: "La cosa positiva è la risposta della natura. Dobbiamo prenderne atto. E poi dobbiamo iniziare a rispettare di più il pianeta". Il pensiero di Anna continua in un crescendo bucolico e agreste: "Non deve più servire una pandemia per far respirare il pianeta. Ho due alberi davanti casa che nel corso di questi mesi ho visto sbocciare. Non ho mai visto così tante api in vita mia. Sono piena di pappagallini. Ne ho veramente tanti. Molte api, riesco a intravedere il Tevere, le anatre in amore, l'acqua inizia a essere trasparente. Dobbiamo iniziare a rispettare la natura, prenderne coscienza e cominciare a farlo".

Ma se la natura subisce gli effetti migliori dal periodo di isolamento, a dover sopportare le conseguenze negative sono quei rapporti d'amore che non si basano sulla convivenza. E questo è anche il caso di Anna Falchi e Andrea Ruggieri: "Il mio fidanzato, non lo vedo da un mese e mezzo. Vorrei riabbracciarlo fisicamente, baciarlo, mi manca il contatto fisico con il mio fidanzato".

Anna spiega meglio la sua condizione: "Ci siamo privati di questa cosa importante che è l'amore. Sono tanti anni che stiamo insieme, ma non conviviamo. È una prova. Abbiamo fatto questa scelta". "E penso proprio che ne sto uscendo più innamorati di prima", chiosa la Falchi, sicura della forza del suo rapporto d'amore.

Commenti