Un anno senza Robin Williams

Sono trascorsi 365 giorni dall'improvvisa dipartita dell'attore Robin Wiliams, il comico 63enne che solo un anno fa aveva deciso di porre fine alla sua esistenza

Olycom
Olycom

Un anno di mancanza, un anno di assenza dolorosa quella trascorsa dalla morte dell’attore Robin Williams. Solo 365 giorni separano il pubblico e suoi fan dalla scelta dell’uomo 63enne di togliersi la vita tramite impiccagione. La scoperta del suo corpo rinvenuto privo di vita presso la sua casa aTiburon, nella baia di San Francisco, ha scosso la famiglia e l’opinione pubblica.

Non sono bastati 40 anni di successi e risate. Il talentuoso e poliedrico attore americano, in grado di far ridere e piangere la sua platea mondiale, un anno fa aveva deciso di porre fine alla sua esistenza. La stessa moglie Susan Schneider aveva confermato dello stato depressivo in cui scivolato da tempo Robin Williams, quindi della recente diagnosi del morbo di Parkinson.

A un anno dalla sua prematura dipartita tante le celebrazioni e le parole di commiato, molti i film che verranno riproposti a sottolineare la sua versatilità interpretativa. Nei cuori dei suoi ammiratori rimarrà immutato il trasformismo tipico della sua arte e della sua capacità recitativa, che gli permetteva di alternare ruoli comici e buffi a parti drammatiche e più intense. Presso la sua abitazione è attesa una processione di amici e fan, che celebreranno l’assenza con fiori, candele e bigliettini.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti