Bafta, i protagonisti da Robert De Niro a Scarlett Johansson

Bafta 2020 ricchi di premiazioni interessanti: ecco le dichiarazioni di Robert De Niro su "The Irishman" e l'incidente con le piume di Scarlett Johansson

Bafta, i protagonisti da Robert De Niro a Scarlett Johansson

I Bafta 2020 sono stati indimenticabili grazie ai loro protagonisti.

Come riporta Bbc, si è discusso molto di diversificazione, per via della presenza di film come "1917”, “C’era una volta a Hollywood” e “Joker”: qualcuno si è infatti lamentato del fatto che nomination e vincitori abbiano privilegiato gli uomini caucasici, mentee sono mancate le donne e diverse etnie, soprattutto alla regia. Tuttavia gli artisti asiatici, come il regista coreano Bong Joon Ho - autore dell’acclamato “Parasite” - hanno aperto alla speranza: in futuro, la diversificazione nel cinema e nei riconoscimenti si amplierà. Rebel Wilson ha fatto una battuta sull’argomento, spiegando che a suo avviso non c’erano state abbastanza nomination per il mondo felino.

Tra i momenti indimenticabili dei Bafta 2020 la vittoria di Laura Dern come miglior attrice non protagonista per “Storia di un matrimonio”: l’attrice ha dedicato il premio alla madre Diane Ladd, che lo vinse nel 1976 per “Alice non abita più qui” di Martin Scorsese. A proposito di Scorsese, l’attore Robert De Niro ha dato al pubblico un consiglio sulla visione di “Irishman” - presente sulla piattaforma Netflix: non è necessario vederlo per intero, perché è lunghissimo, finché se ne afferra il significato.

Una piccola rivelazione è invece giunta da Taika Waititi, regista e interprete del film satirico per famiglie “JoJo Rabbit”: Waititi ha voluto fortemente usare nel suo film una parolaccia in relazione ad Adolf Hitler, ma ha potuto usarla una sola volta, affinché la censura non lo vietasse ai più piccoli. Il regista ha anche aggiunto che desiderava che la pellicola venisse vista soprattutto da bambini e adolescenti.

Momento glam invece per Scarlett Johansson: l’affascinante attrice, in nomination come protagonista per “Storia di un matrimonio” e non protagonista per “JoJo Rabbit”, si è vestita con piume di struzzo rosa, lasciandone i segni per tutta la sala che ha ospitato la kermesse.

Infine, tutti i fan di Bridget Jones hanno avuto il loro inside joke. Dopo che Renee Zellwegger ha ritirato il suo Bafta, sul palco è salito il collega Hugh Grant, che si è complimentato con lei e ha parafrasato una battuta dal film sulla zitella più celebre del Regno Unito: “Ben fatto Jones. Era un abitino decisamente insulso”.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

Commenti

Grazie per il tuo commento