Al Bano: "Condurrei Sanremo con Mina. Romina? Non funzionerebbe"

Il cantante si propone ancora una volta per la conduzione e la direzione artistica della kermesse canora. Al Bano si dice disponibile a mettersi in gioco con Mina. Tra i suoi progetti futuri un film nei panni di un mafioso

Al Bano: "Condurrei Sanremo con Mina. Romina? Non funzionerebbe"

In queste ore frenetiche la Rai sta decidendo le strategie per la prossima stagione televisiva, si stanno riempiendo le caselle mancanti. In attesa della presentazione dei palinsesti di Rai Uno, Rai Du e Rai Tre, previsti a Milano il 9 luglio, c’è grande fermento sul nome del nuovo presentatore e direttore artistico del prossimo Festival di Sanremo 2020. Sono diverse le ipotesi in campo. Su due nomi in particolar modo, per motivi diversi, si punta: Amadeus e Alessandro Cattelan. Il primo viene ben visto perché “uomo Rai” e per la 70esima edizione a rigor di logica sarebbe giusto se l’organizzazione fosse totalmente interna. Invece c’è chi sostiene che Alessandro Cattelan è l’uomo giusto per l’occasione per dare una ventata di freschezza alla manifestazione canore. I detrattori però dicono che è ancora troppo presto per il 39enne presentatore di Tortona.

Come si dice in questi casi tra i due “litiganti” il terzo gode. Ed ecco che scende in campo ufficialmente Al Bano che si propone nuovamente, non sarebbe la prima volta, per prendere in mano le redini della 70esima edizione del Festival di Sanremo. "Sì, vorrei condurre Sanremo. Posso farcela da solo. - ha dichiarato al settimanale Oggi - Ma se chiudo gli occhi vedo una donna al mio fianco… Al Bano e Mina. Sono sicuro. Faremmo un botto pazzesco”. In effetti della suggestione Mina, però solo come direttore artistico, si era parlato lo scorso aprile. Il figlio Massimiliano Pani sembrava fosse interessato alla proposta. Ma poi è calato il silenzio. Evidentemente le trattative non sono andate in porto.

Strano però che Al Bano non abbia pensato alla sua ex moglie, nonché partner artistica ritrovata, Romina Power. "Troppo scontato, con le nostre canzoni, che dal Festival sono arrivate in tutto il mondo, io e Romina abbiamo fatto la storia di Sanremo e della canzone italiana - ha specificato l’artista di Ciellino San Marco -. Sarebbe bello ma non può funzionare. Romina non ha mai amato il Festival. Lei è e rimane americana, Sanremo è italiano al cento per cento, non è il suo genere”.

Tra gli impegni futuri di Al Bano di certo c’è il cinema. "A luglio dovrei cominciare un film, una produzione italo-turca, - conclude - dove interpreto un mafioso che alla fine del film si redime, diventa un sant’uomo e salva due innamorati da morte sicura". Insomma una cosa è certa: comunque vada con Sanremo, Al Bano non rimarrà con le mani in mano.

Segui già la nuova pagina pop de ilGiornale.it?

Commenti