Brian Harvey, idolo anni '90, arrestato dopo video choc su YouTube

Brian Harvey, leader del gruppo anni '90 degli East 17, è stato arrestato dopo aver rilasciato un video choc sulla piattaforma YouTube

Forte preoccupazione per l'ex leader degli East17, Brian Harvey, cantante e frontman del gruppo inglese amatissimo e seguitissimo negli anni '90. L'uomo, 44 anni, è stato raggiunto dalla polizia dopo aver rilasciato e poi cancellato un video choc attaverso il suo profilo YouTube. Il cantante, da tempo finito tristemente nel dimenticatoio, ha confessato di essere vittima di una serie di problemi di natura finaziaria e di vivere solo grazie ai sussidi rilasciati dal governo. La clip allarmante ha suscitato la preoccupazione dei fan ma anche dell'ex fidanzata, l'attrice inglese Danniella Westbrook, che per prima ha lanciato una richiesta di aiuto via Twitter.

Gli stessi vicini, preoccupati dalle condizioni dell'uomo, hanno contatto la polizia che è subito giunta presso la sua casa nella zona di Walthamstow, a Londra. Il cantante, inizialmente reticente, ha permesso l'ingresso degli agenti con cui ha parlato a lungo, per poi seguirli sulla camionetta fino alla più vicina stazione di polizia. Dalla valutazione psicologica ed emotiva del giovane, gli agenti hanno preferito condurre Brian con loro così da monitorarne le condizioni di salute.

Non nuovo a questo genere di esternazioni, nel 2018 il cantante degli East 17 aveva mostrato una clip dove dichiarava di vivere da cinque anni come recluso. In un altro video, deluso dal mondo della musica, aveva distrutto i premi ricevuti durante la carriera mostrando tutto il suo malessere. Il cantante, ora in custodia, è stato condotto prima in ospedale e successivamente arrestato per le minacce di autolesionismo emerse attraverso la clip.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.