Britney Spears porta il padre in tribunale: l'ha obbligata al ricovero

Secondo "Tmz", la pop star si sarebbe recata dal giudice per denunciare il genitore, che l’avrebbe fatta ricoverare contro la sua volontà

Britney Spears continua a far parlare di sé. La pop star, reduce da un ricovero psichiatrico durato un mese, ha deciso di denunciare suo padre. Secondo Tmz, la cantante si sarebbe recata da un giudice insieme alla madre Lynne per rivedere la tutela legale che il papà Jamie esercita su di lei da oltre 11 anni. Ma c’è anche dell’altro.

La Spears sarebbe pronta a denunciare il padre perché l’uomo l’avrebbe fatta ricoverare in clinica psichiatrica e obbligata ad assumere farmaci contro la sua volontà. Stando a quanto riportato dal sito statunitense, il giudice avrebbe disposto di effettuare una nuova perizia per valutare se la tutela sia ancora necessaria.

Britney Spears vuole denunciare suo padre

Proprio in occasione della precedente udienza sulla sua “conservatorship”, Britney Spears era stata fotografata visibilmente provata e scalza in strada. Una foto che ha commosso i fan della cantante, che da mesi hanno lanciato sui social il movimento #FreeBritney per denunciare il ricovero coatto della pop star.

Il suo periodo in clinica, secondo le fonti ufficiali, sarebbe dovuto ad un momento di forte stress e depressione causato dalla malattia del padre, operato più volte nel corso dell'anno. Tuttavia, Britney avrebbe dimostrato in diverse occasioni di essere autosufficiente e i fan accusano la famiglia di aver mentito sulle sue reali condizioni di salute.

I sostenitori della “Britney Army” hanno persino manifestato per strada, fuori dal West Hollywood City Hall di Los Angeles, preoccupati per la relazione della cantante con il fidanzato Sam Asghari e per il suo rapporto con i figli, Sean, 13 anni, e Jayden, 12. Le fondatrici del movimento “Free Britney!”, Tess Barker e Barbara Gray, sono apparse spesso in televisione e hanno ottenuto l’appoggio di diverse celebrities come Justin Bieber e Miley Cyrus, che durante un recente concerto a Memphis ha urlato “Free Britney!” durante l’esecuzione di Party in the U.S.A..

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.