Cultura e Spettacoli

Caso Epstein, l'FBbi indaga sull'ex fidanzata del finanziere

L'FBI sta indagando su Ghislaine Maxwell, compagna storica di Jeffrey Epstein, in merito allo scandalo sessuale che ha portato il compagno prima in carcere e poi al suicidio

Caso Epstein, l'FBbi indaga sull'ex fidanzata del finanziere

Il caso Epstein non sembra destinato a sgonfiarsi nel beve termine ma, anzi, col passare del tempo si aggiungono nuovi elementi che lasciano supporre un ampliamento dello scandalo. Gli ultimi sviluppi vedono il coinvolgimento di Ghislaine Maxwell, ex compagna di Jeffrey Epstein, morto suicida in carcere, diventata poi sua amica e confidente.

Stando a quanto riportano le agenzie di stampa, Ghislaine Maxwell sarebbe sotto la lente d'ingrandimento dell'FBI che starebbe indagando su di lei perché si suppone che la donna avesse facilitato le attività illegali del noto finanziare. Insieme a lei, ci sarebbero anche altre donne attenzionate dal gruppo investigativo federale che sta indagando sul caso. Gli inquirenti sono arrivati alla donna grazie alle segnalazioni di altre ragazze, che presero contatti spontanei con gli investigatori subito dopo l'arresto di Epstein a luglio per raccontare i fatti a loro conoscenza.

L'arresto di Jeffrey Epstein avvenne per le accuse di traffico sessuale di minori perché pare che, tra il 2002 e il 2005, il finanziere organizzasse incontri sessuali tra alcuni suoi amici e ragazze minorenni, anche di 14 anni. Tra questi amici di Epstein ci sarebbe anche il principe Andrea, menzionato da Virginia Giuffre, una delle principali accusatrici del finanziarie. Il giudice per il momento ha acquisito le informazioni necessarie riguardo il presunto coinvolgimento del figlio della regina Elisabetta II ma non sarebbe intenzionato ad ascoltare l'uomo. Virginia Giuffre ha raccontato agli inquirenti che a “reclutarla” sarebbe stata proprio Ghislaine Maxwell, che l'avrebbe poi presentata a Jeffrey Epstein, con il quale sarebbe stata costretta ad avere rapporti.

In base a quanto riferito dall'agenzia Reuters, al momento Ghislaine Maxwell non sarebbe formalmente accusata di alcun illecito penale, ma solo di aver portato alcune ragazze nella sfarzosa abitazione di Epstein a Manhattan. Intercettati dalla stessa agenzia, per il momento gli avvocati della donna hanno preferito non rilasciare nessun commento in merito, in attesa degli ulteriori sviluppi delle indagini. Ghislaine Maxwell è la figlia di uno dei più importanti magnati dei media inglesi, che in passato è stato anche proprietario del prestigioso tabloid Daily Mirror. Robert Maxwell, suo padre, morì in circostanze sospette nel 1991 e solo a quel punto si scoprì che l'uomo aveva portato via centinaia di migliaia di dollari dai fondi pensionistici dei suoi dipendenti per usarli come finanziamento per i suoi affari.

Ghislaine Maxwell è arrivata a New York pochi anni dopo la morte del padre ed è in quel periodo che conobbe Jeffrey Epstein, con il quale intraprese una relazione sentimentale. La storia con il finanziere si è successivamente interrotta ma i due hanno proseguito il rapporto di amicizia. La carriera di Maxwell è cresciuta esponenzialmente dal suo trasferimento in America, tanto che tra il 2013 e il 2014 la donna è stata anche invitata a parlare alle Nazioni Unite in qualità di fondatrice di un gruppo di salvaguardia oceanica. Dall'arresto di Jeffrey Epstein di lei si sono quasi perse le tracce. Stando ad alcune fonti, sembrava che si fosse trasferita nel Massachusetts, in un lussuoso appartamento con vista sull'oceano. L'immobile pare appartenga a un importante imprenditore nel settore tecnologico, che non ha però voluto fornire informazioni ai giornalisti nemmeno dietro pagamento. The Sun ha dichiarato di aver offerto 10.000 dollari in cambio di notizie sulla donna, che non sono mai state comunicate.

Commenti