"Cerco parrocchiani...". La strana richiesta di Checco Zalone a don Tonio

In vista della sua partecipazione al festival di Sanremo, Checco Zalone ha telefonato al prete del suo paese in Puglia per chiedere 7 parrocchiani

"Cerco parrocchiani...". La strana richiesta di Checco Zalone a don Tonio

Fervono i preparativi per il Festival di Sanremo. La cittadina ligure da diversi giorni è blindata e gli artisti hanno già raggiunto le loro basi operative insieme agli staff. Domenica sera Amadeus ha annunciato la suddivisione degli artisti per l'esibizione nelle due serate del Festival e sul palco del teatro Ariston fervono i preparativi per la kermesse. Tra gli ospiti di questa edizione figura anche Checco Zalone, attesissimo dal pubblico a casa. Poche le indiscrezioni sulla sua performance, anche se qualche indizio (involontario) è arrivato dalla parrocchia del santissimo Salvatore di Capurso, sua cittadina d'origine.

Stando a quanto si apprende da fonti sanremesi, Checco Zalone non porterà solo un monologo ma anche una canzone scritta per l'occasione, il cui testo è una caricatura dell'attualità italiana. Per il comico barese, il cui vero nome è Luca Medici, questa è la prima prova sul palco del teatro Ariston in occasione del festival di Sanremo. Domenica sera, Checco Zalone ha effettuato le prove della sua esibizione dentro un teatro blindatissimo per impedire che all'esterno trapelassero indiscrezioni.

Tuttavia, in serata è arrivata una prima "soffiata" dall'insospettabile parrocchia del barese. Pare che Checco Zalone abbia telefonato a don Tonio per chiedere aiuto nella realizzazione della sua performance. Le circostanze che hanno portato la parrocchia a fornire qualche dettaglio in più sull'esibizione di Checco Zalone sono molto chiare. Il comico ha telefonato al prete del sui paese natio con la richiesta di fornirgli alcuni parrocchiani per l'esibizione di mercoledì sul palco del teatro Ariston. Il prete ha deciso di assecondare quella bizzarra richiesta e ha pubblicato l'annuncio sul profilo Facebook ufficiale della parrocchia.

"I primi 7 che si presentano in Chiesa, a partire da domani 31 gennaio alle ore 18.00, potranno accompagnare il nostro comico. Non dovranno sostenere spese né di viaggio, né di vitto o alloggio, che saranno a totale carico di Checco Zalone, dovranno essere maggiorenni, vaccinati con Green pass e, soprattutto, di bella presenza", si legge nell'annuncio. Ai parrocchiani vengono chiesti abiti eleganti da cerimonia e viene specificato che "prima di salire sul palco passeranno dalla sala trucco e parrucco". Come avverrà la scelta è spiegato nello stesso post: "Sarà il parroco a decidere chi potrà accompagnare Luca Medici e lo stesso don Tonio alla kermesse sanremese. Approfittiamone".

Commenti