Così il cast di Che pasticcio, Bridget Jones ha salvato la popolazione dallo tsunami

Che pasticcio, Bridget Jones è il sequel che torna a raccontare le disavventure di una donna inglese interpretata da Renée Zellweger. In questo secondo film la troupe si spostò in Thailandia, dove poi ci fu il terribile tsunami del 2004

Che pasticcio, Bridget Jones - che andrà in onda questa sera alle 23.40 su Canale 5 - è il secondo film della trilogia che vede l'attrice Renée Zellweger indossare i panni della paffuta donna inglese sempre alle prese con i suoi problemi sentimentali e con le insicurezze legate al suo fisico e al suo peso. Infatti, per questo ruolo l'attrice ha dovuto mettere su vari chili, seguendo una dieta di ingrassamento, proprio come aveva fatto nel primo capitolo.

Al fianco della protagonista, in questo secondo capitolo, tornano anche i due protagonisti maschili. Mark Darcy, interpretato da Colin Firth, e Daniel Cleaver, che invece ha il volto di Hugh Grant, interprete britannico che in questi giorni ha debuttato con la serie Undoing.

Che pasticcio, Bridget Jones: la trama

Dopo Il diario di Bridget Jones, la protagonista sembra aver ottenuto tutto quello che vuole. Lavora in una redazione dove è apprezzata e, soprattutto, è riuscita a fidanzarsi con il bellissimo Mark Darcy, che le ha confessato di amarla così com'è, a prescindere dal peso sulla bilancia. Tuttavia l'idillio sembra non durare molto. La convivenza tra i due, che sono così lontani per quanto riguarda il carattere e la scala di valori, comincia a mostrare qualche segno di cedimento.

Soprattutto perché Bridget comincia a essere morbosamente gelosa di una nuova collega di Mark, Rebecca (Jacinda Barrett). Quando le cose tra i due si mettono male e sono costretti a separarsi, Bridget accetta di partire per la Thailandia insieme agli amici di sempre. Qui incontrerà il suo ex amante Daniel Cleaver, che le annuncia di essere cambiato. Ma il destino ha in serbo molto altro per Bridget, compresa una permanenza in una delle prigioni da incubo della Thailandia, dove affronta un'accusa di detenzione di droga.

Lo tsunami in Thailandia

Come ricorda il sito dell'Internet Movie Data Base, durante le riprese di Che pasticcio, Bridget Jones il cast del film viveva a Nai Yang Beach, che era vicino all'aeroporto di Phuket. Molto spesso i protagonisti si trovavano per bere qualcosa nei bar che si trovavano proprio in spaggia. Soprattutto erano considerati clienti fissi al Mama Mia. Nel 2004, qualche mese dopo le riprese della pellicola, tutti questi bar e questi ristoranti disposti sulla spiaggia vennero distrutti dallo tsunami che ebbe luogo il 26 dicembre del 2004.

L'evento catastrofico ha avuto luogo quando un violento terremoto con una magnitudo di 9.3 è esploso al largo della costa nord-ovest di Sumatra, in Indonesia. Il maremoto che ne è scaturito ha colpito tantissime aree costiere dell'area asiatica, comprese molte zone della Thailandia. Dopo lo tsunami, il pianista Stuart Hopkins, che suonava al J.W. Marriot a Phuket e che era un cliente abituale del Mama Mia, cercò in ogni modo di mettersi in contatto con il cast di Che pasticcio, Bridget Jones.

Sempre il sito IMDB spiega come le richieste del pianista siano in qualche modo state ascoltate dalla protagonista del film, Renée Zellweger. Infatti, nel 2005, qualche mese dopo lo tsunami, all'attenzione di Stuart Hopkins venne portato un pacco mandato proprio dall'attrice hollywoodiana. All'interno c'era di tutto: maglie, cappelli e altri indumenti. Inoltre nel pacco era custodito anche un poster di Che pasticcio, Bridget Jones che portava le firme di tutto il cast. Lo stesso poster, oggi, è ancora appeso all'interno del Mama Mia, che nel frattempo è stato ricostruito dopo la grande e tragica devastazione del 2004.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.