Sanremo "en travesti": chi è Gianluca Gori in arte Drusilla Foer

Personaggio frutto dell'immaginazione di Gianluca Gori, Drusilla Foer è la versione nobile e patinata della signora Coriandoli degli anni Ottanta

Chi è Drusilla Foer, all’anagrafe Gianluca Gori, co-conduttrice di Sanremo

Ospite del Tg1 delle 20, quello con maggiore visibilità della giornata, Amadeus nella serata di ieri ha svelato le 5 co-conduttrici che lo affiancheranno nelle serate del festival di Sanremo. A 3 settimane dall'inizio della kermesse, che prenderà il via il prossimo 1 febbraio, Amadeus ha voluto presentare al pubblico le presenze femminili che lo accompagneranno nella sua terza presenza sul palco del teatro Ariston di Sanremo. Tante le sorprese tra i nomi elencati a Amadeus, che ha in parte disatteso le attese non convocando alcune delle donne che il grande pubblico si sarebbe aspettato di vedere al Festival. A stupire maggiormente è stato l'annuncio di Drusilla Foer, poco noto al grande pubblico popolare che segue la kermesse canora più importante del Paese.

Chi è Drusilla Foer? È un personaggio inventato da Gianluca Gori, attore fiorentino che da anni ne ha fatto il suo alter-ego. Si può dire che Drusilla Foer sia la versione patinata del XIX secolo della signora Coriandoli, famosa negli anni Ottanta grazie all'interpretazione di Maurizio Ferrini. La signora Coriandoli era la caricatura della casalinga italiana degli anni Ottanta, Drusilla Foer è un'attempata nobile toscana.

Sarà il primo personaggio en travesti a calcare le tavole del teatro Ariston durante il festival di Sanremo. Il suo successo è arrivato in modo prorompente durante la pandemia, quando sui social ha iniziato a intrattenere gli utenti durante i mesi duri del lockdown. Di recente, Gianluca Gori ha portato Drusilla Foer in tournée con lo spettacolo teatrale Eleganzissima. Il personaggio viene considerato un'icona di stile e di eleganza, anche grazie alla verve toscana che la contraddistingue.Gori ha costruito con cura il personaggio di Drusilla Foer, tanto che negli ultimi tempi ha partecipato alla pellicola Magnifica presenza di Ferzan Ozpetek e ad alcune trasmissioni televisive.

Inevitabile che, nel mondo dei social network, abbia fatto più rumore la presenza di Drusilla Foer piuttosto che quella di un'attrice del calibro di Ornella Muti. Ed è probabilmente anche questo il motivo per il quale Amadeus, che ben conosce certe dinamiche, ha scelto di portare il personaggio inventato da Gianluca Gori piuttosto che un altro nome di spicco dell'universo dello spettacolo italiano, che non manca certo di artiste e di dive da omaggiare sul palco durante la kermesse più importante.

Ma molti di quelli che oggi si spellano le mani per applaudire la scelta di Drusilla Foer a Sanremo, considerandola come un muro abbattuto, non ricordano sicuramente la folgorante parabola ascendente della sopra citata signora Coriandoli, che prima dell'invasione del politicamente corretto ha ricoperto ruoli di rilievo in tv e al cinema, ben 40 anni fa. Ma si sa, il nostro Paese ha la memoria molto corta.

Commenti