Cinema, Tolo Tolo da record: incasso di oltre 8 milioni di euro

Nella prima giornata di programmazione, il nuovo film di Checco Zalone è stato visto da quasi 1,2 milioni di persone, incassando 8.668.926 di euro

L’essere al centro di polemiche ha fatto decisamente bene a ''Tolo Tolo''. Il film di Checco Zalone ha incassato, nel primo giorno di programmazione, ben 8.668.926 euro con quasi 1,2 milioni di spettatori. Una media di 7.164 persone in 1.210 schermi. Un indiscutibile trionfo, soprattutto se si tiene conto che il secondo film più visto è stato Jumanji con soli 681mila euro di incassi, meno di un decimo di Tolo Tolo.

Il precedente successo di Zalone è stato ''Quo vado?'' che aveva fatto registrare un incasso di 7.360.192 euro. Ottimi numeri superati dall’ultima fatica dell’attore barese. Il film è un testo di strettissima attualità dato che esplora il rapporto fra un italiano e un cittadino straniero. Ma il tutto è fatto con grande ironia. Zalone, del resto, agisce fuori dagli schemi e ama prendersi in gioco del politicamente corretto e dei luoghi comuni senza, però, offendere nessuno.

Nelle settimane scorse il comico aveva detto di non aver creato ad hoc un film contro gli immigrati, spiegando chiaramente che nel suo film c'è satira e ironia. "Se riproponessi certe imitazioni di dieci anni fa, tipo quella di Giuliano dei Negramaro, mi arresterebbero". Questa la realtà sottolineata da Checco Zalone: "Oggi non potrei scherzare come facevo su Tiziano Ferro o sugli omosessuali".

Eppure la sinistra e i benpensanti hanno continuato a definirlo razzista. Perché tutto quello che non rientra perfettamente nelle ''linee guida'' del politicamente corretto è da considerarsi sostanzialmente fascista, razzista e xenofobo.

Le polemiche sono divampate soprattutto sulla base del trailer e di ''Immigrato'', la colonna sonora che accompagna molte riprese. Il comico bare, però, ha risposto duramente: "Purtroppo non si può dire più nulla. L'unica cosa atroce qui è la psicosi del politicamente corretto. C'è sempre qualche comunità, o qualche gruppo di interesse, che si offende". Zalone ha anche replicato a coloro che lo hanno accusato di essere intollerante verso i migranti: "Escludo che qualcuno possa essere così stupido da pensarlo davvero". Non poteva mancare una battuta tipica del suo stile: "Non sono razzista neanche verso i salenti, che sono i veri terroni. Ne approfitto per chiedere scusa ai foggiani. Chiedo scusa pure ai calabresi: nel nuovo film c'è una battuta terribile su Vibo Valentia". L’attore aveva anche affermato di non aspettarsi di essere sulle prime pagine dei giornali e oggetto di dibattito nei talk show. “È un film poetico, c'è dentro una grande realtà. Secondo me Salvini è l'espressione della gente e la gente si sentirà chiamata in causa".

Ma cosa significa il titolo Tolo Tolo? La parola è una versione storpiata della frase "solo solo" pronunciata sul set in Africa. Come ha svelato lo stesso Checco Zalone, il titolo è nato per puro caso in seguito a un divertente episodio avvenuto durante le riprese. Il comico pugliese stava dando agli attori le indicazioni per una scena che richiedeva l'attraversamento a nuoto del fiume Sabaki, precisando che ognuno di loro doveva nuotare "solo solo". Il giovane Nassor Said Birya, interprete di Doudou, ha ripetuto la frase ma non parlando bene italiano ha gridato "tolo tolo". Una espressione che resterà scolpita nella storia del cinema italiano.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

rossini

Gio, 02/01/2020 - 11:57

Il film si è rivelato un bidone. Una melassa di buonismo. Uno spot a favore degli immigrati. Non c'è una battuta, una scenetta che faccia ridere. Tutti si aspettavano il solito Checco controcorrente che interpreta i sentimenti e perché no, i vizi più autentici degli italiani. E invece, una delusione! In un colpo Checco Zalone ha annullato tutto quello che aveva fatto di buono fino ad ora. Ce ne vorrà per riconquistare la sua credibilità. Questa volta mi ha fregato i 7 euro del biglietto. Non si ripeterà più!

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 02/01/2020 - 12:12

i comunistoidi staranno schiumando dalla rabbia!

Paolo17

Gio, 02/01/2020 - 12:25

Ho visto il film. Satirico ed ironico al punto giusto, senza esagerare. Le battute esilaranti ridotte al minimo (infatti in sala si è riso poco). Un film che sicuramente ha deluso tre categorie di spettatori: 1) Chi si aspettava il solito film di Natale con serie infinita di battute demenziali; 2) I buonisti di Sinistra che si aspettavano un film razzista (invece, tutt'altro); 3) I fascistotti salvino-leghisti che si aspettavano battute e slogan a gogò contro l'immigrazione. Non sono un fan di Zalone, ma in questo caso è stato veramente bravissimo, equilibrato e, invece di sfottere i migranti o fare la "sardina" buonista, ha finito per mettere in evidenza la profonda arretratezza culturale italica su un tema così delicato. Bravo e Complimenti!

jenab

Gio, 02/01/2020 - 14:10

ovviamente 1.2 milioni di spettatori razzisti e fascisti!!

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Gio, 02/01/2020 - 14:19

Giusta conclusione , dopo la straordinaria campagna pubblicitaria dei politically correct .Comunque il peggior film di Zalone fino ad ora

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Gio, 02/01/2020 - 15:31

Un film inutile

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Gio, 02/01/2020 - 15:52

Ultimo canto del cigno. Spiace constatare che il successo del primo giorno di proiezione è dovuto all'enorme successo del film precedente. Senza alcun dubbio, il prossimo vedrà le sale deserte o quasi. In pratica Tolo tolo è un film di serie B se non C.

ulio1974

Gio, 02/01/2020 - 15:57

rosario.francalanza 15:31: giudizio perfetto. solo a sentire parlare di zalone, mi viene l'orticaria.

edo1969

Gio, 02/01/2020 - 17:57

bella fica la nxxxa nella foto mmmmmmhhhhh

rino34

Gio, 02/01/2020 - 18:44

l'arretratezza italica nel gestire la situazione, vengono qui e fanno quello che gli pare, si comportano come se fossero speciali e al di sopra delle regole. Mi capitò un giorno che dovevo parcheggiare, e lo stavo per fare quando una ragazza straniera si è messa nel posto dicendo che il suo ragazzo doveva parcheggiare visto che abitavano lì vicino. Ma potrei raccontarne ormai una decina di casi come questo a cui ho assistito o sono stato vittima. La verità è che non vogliono integrarsi, devono venir espulsi tutti coloro che non provengono da culture omogenee alla nostra o coloro che dimostrano assenza di rispetto per le regole e gli italiani.

edo1969

Gio, 02/01/2020 - 20:12

mmmmmh una bella nxxxa in canottiera che ti sventola le minne mmmmmh

Ritratto di RedNet

RedNet

Gio, 02/01/2020 - 20:32

Io non lo ho visto e non mi interessa, quando vedo neri vuol dire che spreco di tempo e soldi