Coronavirus, la Rai resiste: "Stiamo cercando di svolgere la nostra missione"

Il coronavirus si è insinuato anche in Rai, dove ha radicalmente mutato il volto dei palinsesti. Intervenuto in radio, Foa ha ringraziato i lavoratori e ha espresso la volontà di continuare a dare il meglio per portare avanti la missione del servizio pubblico

Il coronavirus è diventata una presenza costante della nostra quotidianità, che ha cambiato (forse per sempre) il volto del Pianeta. L'Italia è uno dei Paesi maggiormente colpiti dalla pandemia, è il Paese con più morti e contagiati dopo la Cina, dalla quale tutto è partito. Lo smart working ha ormai sostituito completamente, o quasi, il lavoro d'ufficio. Le scuole si stanno attrezzando con sempre maggiore forza per lo studio da remoto e la televisione cerca di resistere per continuare a essere di compagnia agli italiani confinati nelle loro abitazioni.

Rai e Mediaset, ma in generale tutti i network, provano a mandare avanti le loro produzioni ma si fa sempre più complicato, anche a cause delle defezioni da contagio e degli isolamenti fiduciari ai quali sono sottoposte le persone venute a contatto con i contagiati.

Gli studi televisivi sono decimati, ovunque sono rimasti pochissimi operatori e maestranze disponibili a lavorare. La paura del contagio da coronavirus è altissima ovunque ma ci sono ancora quelli che, rischiando giorno dopo giorno, continuano imperterriti ad andare in onda. La Rai ha dovuto necessariamente modificare alcune parti del suo palinsesto, sia per dare maggiore visibilità alla cronaca e all'informazione, sia per coprire i buchi creati dalle defezioni. Al mattino, quindi, c'è stato un prolungamento del programma di Eleonora Daniele, che ha coperto lo slt lasciato libero da La prova del cuoco. Anche la Vita in diretta si è allungata e così la Rai può garantire una copertura organica sull'informazione di stampo popolare per tutta la giornata.

Sono stati soppressi alcuni programmi come L'eredità e I soliti ignoti, le cui registrazioni riprenderanno quando la situazione nel Paese si sarà normalizzata. Anche La corrida è stato sospeso così come Ballando con le stelle. L'intrattenimento televisivo latita negli ultimi tempi ma è una decisione necessaria in un tempo di emergenza. La Rai si sta impegnando al massimo per continuare a garantire la copertura, anche se non sempre è facile. "Stiamo cercando di svolgere a pieno la nostra missione di servizio pubblico cercando di conciliare tutto con le norme per la sicurezza dei nostri lavoratori e con il senso del dovere di accompagnare la vita degli italiani garantendo una buona informazione televisiva a radiofonica, con un po' di cultura e un doveroso intrattenimento", ha detto il direttore Rai, Marcello Foa a Radio Anch'io.

"Per non cadere nella spirale del pessimismo dilagante, che poi è negativo per la comunità generale, c'è bisogno anche di intrattenimento", ha concluso il direttore, che probabilmente nei prossimi giorni cercherà di riorganizzare ulteriormente i suoi palinsesti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Zvallid

Zvallid

Mar, 17/03/2020 - 11:03

Sarebbe più utile sospendere o togliere il canone, che tanto non importa niente a nessuno dei notiziari RAI. La sospensione de L'eredità e I soliti ignoti è una buona notizia, farà aumentare il Q.I. medio degli italiani

Giorgio5819

Mar, 17/03/2020 - 11:12

L'importante é fare trasmissioni che propagandano la teoria gender......senza vergogna.

Jon

Mar, 17/03/2020 - 11:12

Allora togliete la Pubblicita' dai palinsesti e cessate le Fake del Governo su " MANI PULITE". POI, NOTIZIE SULLA GERMANIA CHE SI STAMPA DA SOLA 550 MILIARDI DI EURO..NO..?? NESSUNA VERO??!! STAMPIAMOCI LE NOSTRE LIRE E PAREGGIAMO I CONTI..

silvano45

Mar, 17/03/2020 - 11:46

Unica missione ed è una vergogna è fare il megafono al PD.I servitori restano sempre servitori peccato che a pagare loro lo stipendio e che stipendio sono anche la maggioranza di chi non vota i loro referenti. Più che servizio pubblico è il meglio della disinformazione.

DRAGONI

Mar, 17/03/2020 - 11:47

MAI COME ORA SI SENTE LA NECESSITA' DI AVERE UNA RAI, ASSERVITA TOTALMENTE AL POTERE POLITICO ATTUALE, CHE CONTINUASSE A FARCI CREDERE CHE LE VACCINAZIONI SONO PERICOLOSE E CHE LA CINA , STORICAMENTE NON LO E' MAI STATA, E' OGGI UNA NAZIONE PACIFICA DEDITA ALLA FILANTROPIA.

jaguar

Mar, 17/03/2020 - 13:24

Tanto per cominciare cercate di non far pagare il canone, sarebbe una missione apprezzata da tutti.