Cosa c'è dietro le quinte dei parchi di divertimento?

Alla scoperta dei parchi a tema della Disney e delle sue attrazioni in un documentario prodotto da Dwayne Johnson. In arrivo in Italia in streaming dal 21 luglio

Cosa c'è dietro le quinte dei parchi di divertimento?

Non solo serie tv all’interno dell’offerta di Disney+, portale streaming a pagamento disponibile anche qui in Italia. Il colosso dello streaming propone anche documentari. Come I segreti delle attrazioni Disney, disponibile in piattaforma dal 21 luglio con i primi 5 episodi. Si tratta di un interessante approfondimento che svela il dietro le quinte e i retroscena dei celebri parchi a tema più conosciuti al mondo, che da qualche mese hanno riaperto i battenti dopo un lungo periodo di chiusure a causa del Covid-19.

La docuserie che nella versione originale è narrata da Pagest Brewter – attore di Criminal Minds – offre al pubblico uno sguardo a tutte le attrazioni più amate dei parchi della Disney, proponendo filmati inediti, reportage fotografici ed esclusive, svelando come sono nate e come sono state perfezionate nel corso degli anni. I primi cinque episodi – i restanti arriveranno nel corso dei prossimi mesi – si focalizzano su altrettante attrazioni, come il Jungle Cruise, la Hunted Mansion, lo Star Tours, la Twilight Zone Tower of Terror e lo Space Mountain.

Il progetto è stato ben voluto dal colosso della Disney, non solo per celebrare tutta la sua magnificenza agli occhi del pubblico (come è giusto che sia), ma è stato realizzato anche e soprattutto per alzare il velo sul mondo dei parchi a tema. Per l’occasione e in vista della condivisione degli episodi sulla piattaforma, è stata organizzata una conferenza stampa virtuale in cui i produttori e alcuni addetti ai lavori spiegano il loro punto di vista sul documentario.

"È uno spettacolo adatto a tutti. L’idea di base è stata quella di proporre qualcosa che possa intrattenere il pubblico – rivela da New York uno dei produttori -. Il nostro intento è quello di incuriosire chi si approccia al mondo Disney e a quello dei parchi. Abbiamo voluto mettere in scena un documentario diverso dal solito, una sorta di ibrido, ma abbiamo ricordato a noi stessi di essere in dovere di realizzare un serie tv divertente e che sappia divertire –aggiunge-. Il progetto è nato da una collaborazione con la società di Dwayne Johnson che, proprio in questi periodi, sta lavorando con noi a un nuovo show per la Disney. Abbiamo parlato con lui e abbiamo proposto la nostra idea e subito è stata accolta con piacere. Poi il team creativo ha fatto il resto".

Ma ciò che ha reso tale il documentario è stato l’entusiasmo con cui è stato realizzato. "È stato fatto con amore e tanta energia – aggiungono i produttori -. E’ qualcosa di fantastico perché sembra proprio di entrare nelle attrazioni. Si vive l’esperienza in prima persona. Dopo 19 mesi di duro lavoro è una grande felicità vedere il progetto su Disney+".