Vasco Rossi attacca Salvini e Meloni: "Ecco cosa creano..."

Il cantante, presentando il suo nuovo album, ha attaccato: "In Italia c'è una destra molto estremista". Poi il riferimento polemico ai leader della Lega e di Fratelli d'Italia

Vasco Rossi attacca Salvini e Meloni: "Ecco cosa creano..."

Altro che nuovo album e nuove canzoni. Vasco Rossi si è messo a intonare l'ormai monotono ritornello che tanto piace alla sinistra: quello contro Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Il cantante, peraltro, non ha nemmeno operato particolari variazioni sullo spartito, che ormai riecheggia martellante a suon di slogan. In occasione della conferenza stampa tenuta a Milano per presentare il suo ultimo album Siamo qui, in uscita il 12 novembre prossimo, il rocker di Zocca si è infatti lasciato andare ad alcune considerazioni di carattere politico, rivolte in particolare alla destra.

In Italia "c’è una destra molto estremista. Per me è giusto che ci sia la destra ma non deve essere pericolosa come quella che sembra ci sia all’orizzonte. C’è un continuo seminare odio e divisione", ha affermato Vasco, inizialmente prendendo la questione alla larga. Poi però, solleticato da chi gli chiedeva se si riferisse alla destra extraparlamentare o a quella parlamentare, come Fratelli d'Italia, il cantante ha aggiunto: "Anche i toni di Meloni e Salvini sono toni divisivi, creano solo odio per avere dei consensi. Io faccio musica, porto gioia, faccio questo nella vita. C’è gente che soffia sul fuoco, sapete chi sono". Fine dell’intemerata? No, manco per niente.

Incalzato sul fatto che qualcuno possa ragionevolmente dirgli di dedicarsi al canto (materia in cui eccelle) invece che alla politica (sulla quale invece non mancano le stonature), Vasco Rossi ha replicato: "È quello che dicono sempre, mi dicono ‘pensa a cantare’ ma quando esprimo un'opinione lo faccio da cittadino. Io pago le tasse, le pago tutte". In realtà, l'impressione è che le uscite odierne siano state pronunciate dall'artista anche per far parlare del suo nuovo album. Tutto fa gioco, del resto. "Dai nuovi governanti che sull’onda di estremismi, populismi e fake news si prospettano all’orizzonte, noi non ci aspettiamo solo nuove leggi speciali ma un vero e proprio Undicesimo Comandamento", ha infatti detto il rocker, che non a caso ha intitolato una sua nuova canzone proprio Undicesimo comandamento.

Sul punto, Vasco ha affermato di temere che i nuovi "fenomeni populisti" pretendano di essere amati più di ogni altra cosa. E ha aggiunto: "Questi fenomeni ci sono negli Stati Uniti ma anche in Europa e soprattutto in Italia, dove c’è una campagna per seminare odio. È stato seminato odio da questi politicanti irresponsabili, che solo per avere qualche consenso in più sono pronti a cavalcare le paure della gente, a sobillarle e far diventare tutti più cattivi. Non dovrebbero esistere".

Praticamente, una sorta di comizio nel quale non sono per l’appunto mancati i riferimenti espliciti a Meloni e Salvini. Poi, nel tempo rimanente, il cantante ha parlato anche di musica: da maggio, ha annunciato, girerà l’Italia in concerto con undici date già in programma.

Commenti